L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 5 giugno 2014

miliardi per comprare gli F35 e niente per i disoccupati, governo pagliaccio


La Spagna dice no agli F35. Sono troppo cari F35C-02
Il governo popolare (centro-destra) del premier Mariano Rajoy ha scartato la richiesta della Marina, che voleva sostituire i vecchi Harrier con una ventina di velivoli della statunitense Lookheed Martin, un caccia-bombardiere nella versione a decollo verticale (Stovl) che costa 130 milioni di euro cadauno.
Gli Harrier in dotazione, Av-8B Plus prodotti da una joint-venture tra la BritishAereospace e MacDonell Douglas, continueranno in servizio fino al 2025 grazie ad un contratto di 70 milioni di euro che permetterà di aggiornare e di sostituire i pezzo del caccia operativo dall’85.
«L’F-35 B continua ad essere, economicamente, una aspirazione irraggiungibile – rivelano fonti della Marina -. Il ministero della Difesa non ha approvato la nostra proposta ed il progetto è stato affossato». Ma c’è anche un’altra ragione, centrale in tempo di crisi e tagli: la Royal Navy ha mandato in pensione gli Harrier e quindi la disponibilità di pezzi di ricambio è notevole e a prezzi da saldo. Però gli eredi della “Armada Invencible” non demordono e sperano che in futuro gli Stati Uniti affittino alla Spagna qualche esemplare dei costosissimi F-35 B.
«Persino un governo di centrodestra come quello di Rajoy scavalca il governo Renzi. Un po’ più di coraggio e buonsenso non guasterebbe in questo Paese» è stato il commento del deputato di Sel Giulio Marcon
http://www.sinistraecologialiberta.it/notizie/la-spagna-dice-no-agli-f35-sono-troppo-cari/

Nessun commento:

Posta un commento