L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 7 luglio 2014

Bulgaria, formalmente vuole South Stream

Bulgaria a Russia: "sostieniamo il progetto South Stream"

"Commissione europea consentirà iniziare presto costruzione"


      AFP
Mosca, 7 lug. (TMNews) - Il ministero degli esteri bulgaro "sostiene il progetto South Stream, sulla base della legislazione europea" e si dice convinto che "la Commissione europea consentirà di iniziare presto la sua costruzione", ha detto secondo le agenzie russe il Ministro degli Esteri bulgaro Kristian Vigenin in una conferenza stampa a Sofia, dopo un incontro con il suo omologo russo.

Quanto a Mosca, la Russia è pronta a continuare il dialogo su "South stream" come con i paesi membri e con la Commissione europea, ha detto il ministro degli esteri Sergei Lavrov.

Dopo i colloqui con il suo omologo bulgaro Vigenin, Lavrov ha detto che i bulgari "hanno ribadito la loro disponibilità a proseguire un dialogo costruttivo con tutte le parti interessate: come con i paesi membri e con la Commissione europea", ha detto Lavrov, che ha invitato la controparte bulgara a visitare la Russia. "Spero che questa visita verrà presto", ha detto il capo della diplomazia russa.
http://www.tmnews.it/web/sezioni/nuovaeuropa/PN_20140707_00274_NE.shtml

Nessun commento:

Posta un commento