L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 16 luglio 2014

Le mani lorde di soldi del Pd sulla sanità pubblica

Sanità, Riformatori contro il Pd: "Con la riforma una Asl in più e costi alle stelle"


Sanità, Franco Meloni (Centro Studi dei Riformatori): "Il centrosinistra per occupare le Asl istituisce nuove poltrone anziché tagliarle. Arrivano nuovi manager a spese dei sardi"

Nella commissione Sanità del Consiglio regionale ieri è cominciato l'esame del disegno di legge presentato dal Pd per la riforma del servizio sanitario regionale. "Il Ddl comincia bene, con l'istituzione della centrale unica degli acquisti e continua male, con l'istituzione di un'ulteriore azienda, quella dell'emergenza, un altro direttore generale, un altro direttore sanitario, un altro direttore amministrativo, un altro ufficio personale, altro collegio dei revisori. Conclude invece con una parte del tutto inutile, quella sulle case della salute e ospedali di comunità". Lo dice Franco Meloni, coordinatore del Centro Studi dei Riformatori sardi. Sulla centrale unica di committenza, dice Meloni, "siamo tutti d'accordo e inoltre è condivisibile l'idea di darle sistemazione nell'ambito dell'agenzia regionale per i servizi sanitari che così potrebbe da un lato ottimizzare l'uso delle risorse e governare la spesa e dall'altro monitorare in tempo reale l'andamento della stessa e la sua conformità al sistema dei costi standard".
L'idea di fondare un'altra azienda, quella dell'emergenza, prosegue Meloni, "è invece un errore madornale perché accrescerebbe i costi, amplierebbe la sovrastruttura amministrativa quando invece bisognerebbe ridurle e creerebbe una confusione enorme. Infatti alcune regioni del nord hanno già tentato questa strada e se ne sono amaramente pentite a causa delle inefficienze gestionali verificatesi a seguito delle interferenze gestionali tra le aziende: non si capisce perché seguire gli esempi degli errori delle regioni del nord e non invece i lati positivi. A meno che si voglia pensare male, e a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, sia solo una furbata, un mezzo per poter dire di aver cambiato la struttura delle aziende e poterle così commissariare: com'è noto l'ansia del centrosinistra di riprendersi le poltrone delle Asl sta crescendo a livelli patologici con il passare dei giorni".

Nessun commento:

Posta un commento