L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 31 luglio 2014

L'Europa segue gli Stati Uniti verso la guerra. Imbecilli

Con le sanzioni non si vince sulla Russia L'Unione Europea approva uno dopo l'altro i pacchetti di sanzioni contro la Russia. Ma quanto sono efficaci queste misure e come si riflettono sulla Russia e sulla stessa Europa?
Mi sembra che il vero scopo sia dare un’" educazione" alla Russia, piuttosto che un duro colpo alla sua economia - dice Daria Mitin, Direttore della Divisione di Mosca dell’ufficio stampa del Ministero degli Esteri della Repubblica Popolare di Donetsk.
In generale, la pratica stessa delle sanzioni, utilizzata attivamente da Stati Uniti e Unione Europea, ha fatto il suo tempo sia moralmente che economicamente, perché il mondo è troppo interconnesso, e tutta l'economia nazionale è parte dell'economia globale. Le sanzioni hanno sempre colpito non solo coloro contro cui sono dirette,, ma anche coloro che le impongono. I Paesi perdono inevitabilmente qualcosa, e l'effetto economico atteso è molto dubbio. A mio parere, l'applicazione delle sanzioni contro la Russia è piuttosto un atto politico, soprattutto in considerazione del fatto che vi è un certo numero di paesi che vivono sotto sanzioni da decenni, e non succede nulla. La Russia è così grande, la sua economia è così versatile, e il sistema delle relazioni economiche con l'Europa e gli Stati Uniti è ormai così avanzato che il regime di sanzioni non le causerà danni economici".
Daria Mitin porta l'esempio dell'Iran, che ora in un periodo di avvicinamento politico con l'Occidente, dopo decenni di sanzioni applicate, si è rivolto al tribunale di Ginevra per un ricorso sulle sanzioni contro le compagnie occidentali, e il giudice gli ha dato ragione. Secondo la Mitin, le sanzioni contro la Russia possono portare ad una riorganizzazione della sua economia, a determinate condizioni. L’esperta russa ha ricordato le sanzioni contro la Libia di Gheddafi, che venne ad un accomodamento, acquistò fuori dall'Occidente e cambiò il corso politico del paese. Ma Gheddafi non restò per l’Occidente. In seguito, il suo regime è stato distrutto e in Libia è iniziata la guerra civile. Ma la Russia non è la Libia:
Naturalmente, la Russia sta cercando di sfruttare i mercati, prima di tutto il mercato dell'energia. Notate che si è intensificato il parlare di sanzioni proprio in un momento in cui un certo numero di paesi dell'Europa orientale, che aveva già un accordo per la costruzione del "South Stream", ha confermato la propria intenzione di partecipare al progetto, nonostante il fatto che l'Occidente li avesse esortati a non farlo. Naturalmente, la Russia non è né il Lussemburgo, né la Libia o la Corea del Nord. Un'altra cosa è che l'Occidente sia in grado di schiacciare. Ma la Russia non è nata ieri, e abbiamo qualcosa da contrapporre. Spero che tutto si muova ancora, perché l'Ucraina per noi è una questione di principio. E per come la vedo io, nessuno metterà a repentaglio a causa dell'Ucraina l'intero ordine mondiale, ottenuto con un così duro lavoro.
Non esiste libertà di parola e stampa- non esiste libertà di religione- non esiste distinzione tra stato e religione- non esiste libertà di associazione politica- si inneggia alla distruzione di un'altro popolo (già perseguitato in passato)- viene sistematicamente perseguita una politica di pulizia etnica contro altri membri di quel popolo che hanno la colpa di essere di religione diversa.- non perseguono alcun tipo di sviluppo industriale, scientifico.

Nessun commento:

Posta un commento