L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 2 agosto 2014

Nagorno Karabakh, altro focolaio di guerra in Europa

Azerbaigian lamenta "perdite" in pesanti scontri con Armenia

Secondo una fonte armena, le vittime sarebbero 14 (ASCA) - Roma, 1 ago 2014 - L'Azerbaigian ha dichiarato oggi d'aver subito perdite umane in un conflitto a fuoco che ha avuto luogo nella notte con soldati dell'Armenia in prossimita' della provincia separatista del Nagorno Karabakh. Ieri Erevan aveva lamentato la morte di due suoi militari. Il ministero della Difesa di Baku non ha fornito dettagli su quante soldati siano rimasti uccisi. Ma un alto ufficiale armeno ha detto all'agenzia di stampa France Presse che l'Azerbaigian ha perso 14 soldati. L'agenzia di stampa Apa, una delle principali testate dell'Azerbaigian, ha dal canto suo, ha detto che i soldati azeri morti sono otto. Il ministero della Difesa non ha ne' confermato, ne' smentito. (segue) (Fonte Afp) Mos

Nessun commento:

Posta un commento