L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 agosto 2014

Comunione e Liberazione, dietro l'apparenza una Consorteria di Affari e Potere

Meeting: al via a Rimini, oltre 280 relatori e 2. 940 volontari

Meeting al via a Rimini  oltre 280 relatori e 2 940 volontari 15:42 22 AGO 2014

(AGI) - Roma, 22 ago. - Sono 100 gli incontri proposti dalla 35ˆ edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli. La Kermesse di Comunione e Liberazione (intitolata quest' anno "Verso le periferie del mondo e dell'esistenza. Il destino non ha lasciato solo l'uomo") si terra', come sempre alla Fiera di Rimini (dove il Meeting utilizzera' 150.000 metri quadri) dal 24 al 30 agosto. Sono previsti 21 spettacoli (considerando anche le quattro proiezioni cinematografiche), 14 esposizioni (sommando alle 7 mostre Meeting quelle proposte da "Esperienze e percorsi", da "Uomini all'opera" e la rassegna su don Bosco), le manifestazioni sportive. Secondo una nota, saranno presenti oltre 280 relatori e 2.940 volontari che, durante la settimana del Meeting, impegneranno gratuitamente energie, competenze e anche ferie per consentire lo svolgimento della manifestazione Fuori dal grande contenitore fieristico verranno proposti due spettacoli (al Teatro Novelli di Rimini) e sei manifestazioni sportive. I costi preventivati del Meeting 2014 sono di 7 milioni 157mila 400 euro. Le voci relative alle entrate indicano, in ordine decrescente: servizi di comunicazione per le aziende (4 milioni 480mila euro), introiti dalla ristorazione (1 milione 260mila), attivita' commerciali, biglietti delle manifestazioni a pagamento e contributi da privati. E' previsto attualmente un disavanzo, relativamente modesto rispetto alle dimensioni della manifestazione.
  "Sottolineo - sottolinea il direttore Sandro Ricci- due caratteristiche del Meeting di quest'anno -: "l'ulteriore crescita della dimensione internazionale della manifestazione e il consolidarsi della dimensione culturale del Meeting, del Meeting come luogo di dialogo. Ancora di piu' quest'anno, sono coinvolti, ad esempio, temi, realta' e personalita' da ogni parte del mondo: dall'Ucraina all'Egitto e alla Siria, dal Kenya e dalla Lituania all'Ecuador, al Brasile e all'Iraq, dal Giappone alla Nigeria, dalla Russia agli Stati Uniti, dal Kurdistan al Pakistan e all'Argentina?; e l'elenco e' decisamente incompleto. E' il dato che abbiamo evidenziato anche nel video di presentazione: "Un giro del mondo con il Meeting 14", presente sul nostro sito internet".
  Riguardo al deficit di questa edizione, Ricci spiega che si puntera' sui servizi di ristorazione e sul 'Fundraising'. "Per colmare questo disavanzo - sono parole di Ricci - contiamo su un maggiore utilizzo dei servizi di ristorazione e soprattutto sulla campagna di 'Fundraising', che non si esaurisce con la semplice raccolta di fondi, ma e' innanzitutto la capacita' di far nascere relazioni di fiducia con quante piu' persone possibili. All'interno della fiera, ci saranno due postazioni di raccolta (Hall Sud e Corridoio Pad. C3) nei quali sara' possibile fare la propria donazione ed entrare a far parte della Community Meeting per "Sostenere la costruzione di un luogo che, da oltre trent'anni, testimonia e racconta una cultura dell'incontro, una cultura dell'amicizia". Sono tre i Main Partners del Meeting 2014 (Enel, Intesa Sanpaolo, Wind), dieci gli Official Partners, mentre la Repubblica di San Marino figura come Institutional Partner. Nel complesso, sono oltre 150 le Aziende e gli Enti che, a vario titolo, partecipano alla manifestazione e utilizzano il Meeting per la loro comunicazione al grande pubblico. (AGI)
http://www.agi.it/economia/notizie/meeting_al_via_a_rimini_oltre_280_relatori_e_2_940_volontari-201408221542-eco-rt10105

Nessun commento:

Posta un commento