L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 18 agosto 2014

Guido Tabellini, consigliere economico di Renzino contraddice Taddei, vuole ridurre i salari

Crisi: Taddei (Pd), dimostreremo bonus 80 euro non e' uno scherzo

(ASCA) - Roma, 18 ago 2014 - ''Questo e' il primo governo che finanzia il taglio delle tasse con la riduzione della spesa. Ha cominciato a farlo con il bonus da 80 euro e il taglio dell'Irap e continuera' prima stabilizzando queste misure e poi proseguendo su questa strada. Dobbiamo dimostrare che non si stava scherzando''. Lo afferma, in un'intervista al quotidiano 'Corriere della Sera', il responsabile Economia del Pd, Filippo Taddei, uno dei consiglieri del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Secondo Taddei ''taglio della spesa pubblica senza intaccare lo Stato sociale e riforma del mercato del lavoro sono i due pilastri dell'azione di governo che riportera' l'Italia sul sentiero della crescita e dara' una risposta alla grande sfida che abbiamo davanti: colmare il gap di capitale umano che purtroppo caratterizza il nostro Paese in Europa''. sgr

Nessun commento:

Posta un commento