L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 1 agosto 2014

il decreto sulla Pubblica Amministrazione è acqua calda, ma Bomba e il Pd lo spacciano per un salva Italia

Dl P.A, Cgil-Cisl-Uil: governo dica verità, nulla su vere urgenze

Roma, 31 lug. (TMNews) - "Il Governo dica la verità: non c'è nessun intervento sulle vere urgenze, a partire dalla staffetta generazionale e dalle centrali di acquisto". E' questo il commento di Rossana Dettori, Giovanni Faverin, Giovanni Torluccio e Benedetto Attili, segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa, dopo il via libera da parte della Camera alla legge di conversione del decreto sulla pubblica amministrazione.
"La cosiddetta riforma della Pa - continuano i segretari generali - è solo piccola manutenzione, per di più fatta male. Mentre il Governo parla di staffetta generazionale la misura si risolve in un nuovo taglio, a partire dai lavoratori precari della Province, i cui contratti non verranno prorogati, e dai tirocinanti-cassintegrati della giustizia, per cui non sono previsti stanziamenti sufficienti. La tanto celebrata abolizione del trattenimento in servizio, che doveva produrre 15mila nuovi assunti, riguarda a conti fatti una platea minuscola, meno di 600 dipendenti, magistrati esclusi. Con 400mila posti di lavoro già persi in 10 anni e una previsione di pensionamento per altri 250mila nei prossimi 5, i nuovi ingressi non supereranno i 150mila da qui al 2019. Risultato: 100mila lavoratori in meno, saldo negativo su competenze e servizi".
https://smallbusiness.yahoo.com/advisor/dl-p-cgil-cisl-uil-governo-dica-verit%C3%A0-144617951.html

Nessun commento:

Posta un commento