L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 agosto 2014

Stati Uniti e Gran Bretagna insieme in Iraq, ieri come oggi per il petrolio

Iraq, Gran Bretagna schiera forze speciali Sas nel Nord del Paese

giovedì 14 agosto 2014 12:41
 
LONDRA (Reuters) - La Gran Bretagna ha schierato le forze speciali Sas nel nord dell'Iraq, dove migliaia di civili sono rimasti bloccati su una montagna dall'avanzata dei combattenti sunniti. Lo riporta oggi il Daily Telegraph.
Citando l'inviata britannica per il commercio in Iraq, Emma Nicholson, il giornale scrive che membri dello Special Air Service (Sas), il reggimento di forze speciali dell'esercito, stanno lavorando coi militari statunitensi per raccogliere informazioni e sono in Iraq da circa sei settimane.
Un portavoce del ministero della Difesa britannico, interrogato sulla questione, ha risposto che il ministero non commenta le operazioni delle forze speciali.
Londra ha inviato aerei ed elicotteri militari nella regione per favorire la distribuzione di aiuti umanitari.
Il primo ministro David Cameron ieri ha interrotto le vacanze estive per dire che la Gran Bretagna prenderà parte a qualunque piano internazionale per salvare i membri della minoranza reliosa yazida.
Gli yazidi sono bloccati sulle montagne di Sinjar dall'avanzata dei combattenti dello Stato islamico nella regione curda semiautonoma.
Gli Stati Uniti hanno detto che la missione per salvare i profughi è meno probabile dopo che una squadra di osservatori ieri ha riferito che l'emergenza umanitaria non è grave come previsto.
http://it.reuters.com/article/topNews/idITKBN0GE0YX20140814

Nessun commento:

Posta un commento