L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 30 settembre 2014

Energia pulita, basta investire e i risultati arrivano

Arrivano I Girasoli Solari, L’energia Rinnovabile In Un Fiore

Arrivano i girasoli solari, l'energia rinnovabile in un fiore
Energia rinnovabile, arrivano i girasoli solari
Ecco che arrivano i girasoli solari, dove l’energia rinnovabile è raccolta come in un fiore.
Un fiore che gira, naturalmente, un girasole. Ma questo fiore solare in realtà è alto dieci metri e larghi sette, riuscendo a produrre energia elettrica per dieci abitazioni.
Il sistema utilizza una tecnologia fotovoltaica ad alta concentrazione di energia, quindi ad alta efficienza, operativo con l’acronimo HCPVT, High Concentration Photovoltaic Thermal.
Il progetto, partito tre anni fa, è stato portato avanti col contributo di IBM Research e da altre realtà istituzionali svizzere, con un finanziamento di circa due milioni di euro erogato dalla commissione svizzera per la tecnologia e l’innovazione.
Il sistema funziona così. I raggi del sole colpiscono gli specchi, rimbalzando su centinaia di chip fotovoltaici, ognuno con una potenza di circa 250 watt.
Un sistema di microcanali a liquido refrigerante, raffredda i sensori stessi rendendoli molto più efficienti da un punto di vista energetico, evitando il surriscaldamento dei sistemi. Tutti i sistemi girano in direzione del sole, proprio come i girasoli.

Nessun commento:

Posta un commento