L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 17 settembre 2014

Ttip, un Trattato che per sua natura deve essere segreto è di per sè illegittimo e antipopolare



TTIP

Libero scambio Ue-Usa, Commissione rifiuta petizione che chiede di fermare i negoziati


Secondo Bruxelles “la proposta d’iniziativa esula manifestamente dalla competenza dell’esecutivo di presentare una proposta di atto legislativo”. I promotori: “Una strategia per escludere i cittadini e ai parlamenti e ascoltare solo i lobbisti”
La Commissione europea ha rifiutato l’iscrizione di una iniziativa popolare per porre fine ai negoziati per gli accordi di libero scambio con gli Stati Uniti (Ttip, Transatlantic Trade and Investment Partnership) e il Canada (Ceta, Comprehensive Economic and Trade Agreement).
La Stop-TTIP Alliance, organizzazione che riunisce oltre 200 associazioni da tutta Europa, il 15 luglio scorso aveva introdotto la petizione che chiedeva di annullare i negoziati per “impedire che gli standard dei diritti su lavoro, sociale, ambientale, privacy e norme di consumo vengano abbassati e i servizi pubblici (come l’acqua) e dei beni culturali vengano deregolamentati in negoziati non trasparenti”. Ma l’iscrizione nel registro delle iniziative popolari è stata rifiutata perché, si legge nelle motivazioni dell’esecutivo comunitario, “la proposta d’iniziativa esula manifestamente dalla competenza della Commissione di presentare una proposta di atto legislativo dell’Unione ai fini dell’applicazione dei trattati”. “Non è stata bloccata, i servizi legali della Commissione hanno controllato la domanda e ritenuto che non è in linea con le regole dell’Iniziativa popolare. È una decisione puramente legale”, ha spiegato uno dei portavoce della Commissione, Wojtek Talko.
Ma per i promotori “il mandato negoziale della Commissione è una decisione formale del Consiglio e quindi un atto giuridico”, e questo vuol dire che “il rifiuto della nostra domanda conferma la strategia della Commissione di escludere i cittadini e ai parlamenti dai negoziati per il Ttip e il Ceta. Invece di prestare attenzione ai cittadini, si ascoltano solo i lobbisti”.
Una iniziativa dei cittadini costituisce un invito rivolto alla Commissione europea perché proponga un atto legislativo su questioni per le quali l’Ue ha la competenza di legiferare. Deve essere sostenuta da almeno un milione di cittadini europei, di almeno 7 dei 28 Stati membri.

http://www.eunews.it/2014/09/15/libero-scambio-ue-usa-commissione-rifiuta-petizione-che-chiede-di-fermare-i-negoziati/21565

Nessun commento:

Posta un commento