L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 3 ottobre 2014

E' pochissimo ma é

Usa, Nyt elogia Obama per maggior riserva marina al mondo

Creata da George W. Bush, l’area ora e’ sei volte piu’ grande (ASCA) – New York, 2 ott 2014 – Il New York Times elogia il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, per aver reso sei volte piu’ grande la riserva marina Pacific Remote Islands Marine National Monument, rifugio pressoche’ incontaminato per vita acquatica e terrestre in cui vivono specie endemiche uniche. L’area protetta originale di 87.000 miglia quadrate nell’Oceano Pacifico fu creata dal predecessore George W. Bush, ma Obama la scorsa settimana l’ha ampliata a 490.939 miglia, includendovi isole e atolli. Per farlo ha usato l’Antiquities Act, che non prevede assenso del Congresso. Nella riserva sono vietate tutte le attivita’ di pesca commerciale, scavi sui fondali, edificazioni. In un momento in cui gli oceani sono minacciati da inquinamento crescente, pesca eccessiva e cambiamento climatico, i benefici della decisione di Obama saranno profondi, soprattutto se altri Paesi seguiranno l’eccellente esempio degli Usa, scrive il New York Times. La testata aggiunge che i repubblicani protesteranno, ma dovrebbero ricordare che fu George W. Bush a creare la riserva. Obama l’ha solo allargata.

Nessun commento:

Posta un commento