L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 25 dicembre 2014

gli ebrei rubano terra

Israele: 380 nuovi alloggi in insediamenti a Gerusalemme Est
  2014-12-25

Il 24 dicembre, il comitato della costruzione e della pianificazione municipale di Gerusalemme ha deciso di costruire 380 nuovi alloggi in insediamenti ebraici a Gerusalemme est.Fra questi 380 nuovi alloggi , 307 saranno costruiti a Ramot in insediamenti ebraici situati nella parte nord-orientale di Gerusalemme, invece altre 73 costruzioni a Har Homa. Questi due insediamenti ebraici si trovano al di fuori della "linea verde"(la demarcazione tracciata dopo l'accordo della tregua del 1967).

Negli ultimi mesi, Israele ha già autorizzato la costruzione di alcune migliaia di alloggi in insediamenti ebraici a Gerusalemme Est. Quest'azione è stata condannata dalla comunità internazionale, la Palestina, gli Stati Uniti, l'Unione Europea e le Nazioni Unite
 

Nessun commento:

Posta un commento