L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 7 dicembre 2014

Gli Stati Uniti vogliono destabilizzare l'Ungheria, perchè non si vuole sottomettere

Orban accusa: la sovranità dell’Ungheria si trova sotto attacco degli USA

Orban accusa: la sovranità dell’Ungheria si trova sotto attacco degli USA
dicembre 07
10:03 2014

La sovranità nazionale dell’Ungheria in questo momento è oggetto di un attacco da parte degli Stati Uniti, lo ha detto il primo ministro ungherese, Viktor Orban, dopo che il senatore statunitense, John Mc Cain, conosciuto per la sua russofobia, aveva criticato pesantemente le relazioni che Budapest intrattiene con Mosca ed aveva qualificato Orban come “un dittatore neo fascista”.

Queste avventate dichiarazioni di Mc Cain hanno prodotto una vera e propria crisi diplomatica fra l’Ungheria e gli Stati Uniti.

“L’indipendenza nazionale dell’Ungheria si trova sotto attacco in questo momento”, ha risposto il premier ungherese Orban in un discorso diffuso il Venerdì su Radio Kissuth. Orban ha aggiunto che le dichiarazioni di Mc Cain erano “manifestazioni di estremismo che mettono in risalto da sole la natura della persona che le ha fatte”.

I commenti di Mc Cain erano stati fatti in risposta alla nomina del nuovo ambasciatore degli USA a Budapest, la produttrice di Holliwood Colleen Bell. Nel corso di un suo discorso al Senato, Mc Cain aveva detto che “l’Ungheria si trova sul punto di cedere la sua sovranità ad un dittatore neo-fascista che va a letto con Vladirmir Putin e noi andiamo ad inviare la produttice di Bellezza e Potere come ambasciatrice in quel paese”.

Dopo le dichiarazioni di Mc Cain, il ministro degli Esteri dell’Ungheria ha convocato l’incaricato d’affari statunitense, Andre Goodfriend, per chiedere spiegazioni a proposito della dichiarazione del senatore.

Orban ha segnalato che ” l’indipendenza dell’Ungheria in termini di energia, di finanze e di relazioni commerciali da fastidio a quelli che si sono beneficiati della dipendenza del paese prima del 2010″.

Inoltre Orban ha aggiunto che “la questione del gasdotto South Stream si trova adesso chiusa, tuttavia l’interesse dell’Ungheria continua ad essere quello di disporre di un gasdotto che arrivi all’Ungheria evitando l’Ucraina”.

Il premier ungherese ha affermato che lui non si considera un vicerè (fantoccio) agli ordini di uno stato straniero” ed ha rivelato che Washington ha esercitato pressioni sull’Ungheria dopo che questo paese aveva optato per appoggiare il progetto del gasdotto South Stream. Inoltre ha segnalato che Washinton temeva un avvicinamento tra l’Ungheria e la Russia.

Un recente accordo tra l’Ungheria e l società russa Rosatom per espandere le proprie istallazioni nucleari era stato oggetto di severe critiche da parte degli USA. Secondo l’accordo, dal valore di 10.000 milioni di dollari, Rosatom contruirà un reattore di 2000 megawatt in Ungheria.
La Russia si è trasformata anche nel primo socio commerciale dell’Ungheria al di fuori della UE.
Fonti:
Tratto da:  www.controinformazione.info

http://www.informarexresistere.fr/2014/12/07/orban-accusa-la-sovranita-dellungheria-si-trova-sotto-attacco-degli-usa/

Nessun commento:

Posta un commento