L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 19 dicembre 2014

questa politica, questi partiti hanno voluto smantellare la scuola pubblica

tagli e crisi

Quando andare a scuola è una lotteria

lotteria
Ore: 19:40 | mercoledì, 17 dicembre 2014
La carta igienica, le cartine geografiche, i dizionari. Per non parlare dei bagni o delle tinteggiature. L’elenco di ciò che a scuola viene garantito dai genitori degli alunni è ampio e attraversa necessità più o meno didattiche. Capita che si debba fornire un timer per la campanella, in modo che suoni automaticamente. E poi i proiettori e addirittura le Lim, le lavagne elettroniche che dovrebbero diventare uno standard in futuro.
Sono giorni, questi, in cui sfruttando il Natale e le feste nelle scuole fervono le attività di raccolta fondi. Come accade anche a fine anno scolastico, vengono organizzate lotterie per racimolare denaro da usare per l’acquisto di materiali. Tra oggi e domani nell’istituto comprensivo Brescia Est Tre ne sono previste tre, alle elementari Boifava e Marconi e alla media Caionvico. Il tema è «Verso un futuro digitale»: in base ai soldi raccolti i genitori decideranno cosa comprare, ma la consapevolezza che la scuola con le proprie forze non ce la faccia è evidente. Sia nell’innovazione, come in questo caso, sia nella strumentazione di base.
Il problema è legato ai finanziamenti pubblici, troppo esigui. Prendiamo l’esempio di un istituto comprensivo cittadino formato da quattro scuole (una materna, due elementari e una media) con 750 alunni. Lo Stato eroga fondi per 5.200 euro che bastano in sostanza per pagare le pulizie. Se non ci fossero i 20mila euro che arrivano dal Comune di Brescia nel capitolo di bilancio dedicato al diritto allo studio, 380mila euro complessivi nel 2014, questi istituti sarebbero praticamente paralizzati. Senza contare il fatto che vi sono famiglie che hanno bisogno di un aiuto per la mensa, per i trasporti o per l’acquisto di libri e quaderni. Non mancano nemmeno delle vicende scandalose: ad esempio il fatto che lo Stato abbia un debito di 1,5 milioni nei confronti delle scuole bresciane, soldi anticipati dagli istituti per spese varie, come le supplenze, e mai arrivati da Roma.
La lotteria, la vendita di torte, la bancarella con i lavoretti: queste attività di volontariato rischiano di diventare insostituibili, se non lo sono già, per garantire qualcosa in più rispetto alle necessità di base. All’elementare Tito Speri, ad esempio, la raccolta fondi serve a contribuire al rifacimento dei bagni. Ma gli esempi di chi si mette direttamente a lavorare per la scuola non mancano: a Carpenedolo, la scorsa estate, i genitori hanno tinteggiato la scuola media.
Così, mentre i supplenti precari devono fare i conti con la mancanza di fondi per i loro stipendi a dicembre, nelle scuole ci si arrangia. E quando si sente parlare di investimenti, di rilancio dell’istruzione, ai genitori può capitare come riflesso condizionato di mettere da parte un flacone di detersivo per pavimenti o un rotolo di carta igienica. Visti i tempi, può sempre servire.
Emanuele Galesi
e.galesi@giornaledibrescia.it
Raccontateci in che modo vi siete organizzati per aiutare le scuole frequentate dai vostri figli. Potete farlo via mail, all'indirizzo gdbweb@giornaledibrescia.it, via Whatsapp, al numero 3895424471, o direttamente sulla pagina Facebook del Giornale di Brescia.

http://www.giornaledibrescia.it/in-citta/quando-andare-a-scuola-%C3%A8-una-lotteria-1.1944570

Nessun commento:

Posta un commento