L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 6 febbraio 2015

70 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale le basi straniere cosa ci stanno a fare?

Il programma di Tsipras: "La Grecia fuori dalla Nato"

Il programma di Tsipras prevede l'addio all'alleanza atlantica: ecco cosa può succedere


La Grecia potrebbe dire addio alla Nato. E' questo il piano segreto di Tsipras nacosto al quarantesimo punto del programma.
"Chiudere tutte le basi straniere in Grecia e uscire dalla Nato", così recita il programma di Syriza. Un piano che è una bomba pronta ad esplodere nel i giochi della geopolitica internazionale. La scelta dire addio alla Nato potrebbe avere non poche ripercussioni sul panorama internazionale.  Una rottura totale con la tradizione filo-atalantica di Atene. Tra le basi della Nato in Europa, quella della Baia di Suda, sulla costa ovest dell'isola di Creta (Grecia), è tra le più importanti sul piano strategico e militare. la base è al centro dela Mediterraneo e ospita sia forze navali greche che forze atlantiche. Uno snodo fondamentale per le operazioni della Nato soprattutto nel nord-Africa, ma anche vecchio baluardo contro l'ex Unione Sovietica.  A nord della Baia di Suda c'è un'altra struttura militare: il poligono missilistico Namfi (Nato missile firing installation), usato dai Paesi Nato per testare i sistemi missilistici di difesa, come i Patriot e gli Hawk. Tutto questo ha fatto finora della Grecia un partner fondamentale della Nato nel Mediterraneo.

Ma se Tsipras decidesse di forzare la mano, allora è molto probabile che ci ritroveremmo una piccola Cuba proprio davanti le porte di casa. Ma il programma di Tsipras non si ferma solo all'uscita dalla Nato: prevede alcune mosse ancora più azzardate. Al punto 37 è previsto il ritiro delle truppe greche dall'Afghanistan e dai Balcani: nessun soldato fuori dalle frontiere della Grecia". Punto 38: "Abolire gli accordi di cooperazione militare con Israele. Appoggiare la creazione di uno Stato palestinese nelle frontiere del 1967". Punto 39: "Negoziare un accordo stabile con la Turchia". Insomma tutte mosse chiare e nette per smarcare la Grecia dall'Occidente. E le prime uscite del ministro della Difesa, Panos Kammeos, sono state a Mosca. Un nuovo asse sta per nascere tra Russia e Grecia. Come ricorda Italia Oggi, Gazprom ha una base ad Atene, mentre altre aziende russe sono già pronte ad incrementare gli investimenti nelle attività portuali greche. A completare il quadro dei nuovi equilibri di Atene c'è il finanziamento da parte di Putin del grande monastero russo sul monte Athos. Le alleanze passano anche da lì. 

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/programma-tsipras-grecia-fuori-nato-1090017.html

Nessun commento:

Posta un commento