L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 7 febbraio 2015

i pendolari servono solo per pagare gli abbonamenti

Maltempo: neve, ghiaccio e pioggia bloccano i trasporti ferroviari. E i diritti dei cittadini?

trasporti neve

Trasporti ancora una volta bloccati a causa del maltempo. Servono investimenti mirati per garantire i diritti dei cittadini e dei pendolari.

Ormai maltempo e disagi nei trasporti rappresentano un binomio inscindibile.
Pioggia, neve, vento e ghiaccio arrivano puntuali tutti gli anni, in una stagione nota a tutti con il nome di "inverno". A tutti tranne ai dirigenti e gli addetti delle ferrovie, che nonostante il ripetersi di tali eventi continuano a non prendere provvedimenti adeguati per garantire la mobilità dei cittadini.
Dalla Svezia alla Lituania, dove la neve cade in quantità decisamente più abbondanti che da noi, i treni circolano regolarmente. Non si capisce perché, da noi, basti molto meno per mandare in tilt l'intero trasporto ferroviario (e non solo) bloccando nodi cruciali come quello di Bologna. I ritardi registrati per l'alta velocità stamattina nella tratta Milano - Bologna raggiungono i 100 minuti.
Chiamiamo alla responsabilità i dirigenti di Trenitalia: non è tollerabile che eventi del tutto prevedibili possano causare disagi di questo tipo. Visto il protrarsi, di anno in anno, di tali problemi è evidente che si tratta di una chiara mancanza di volontà e determinazione nel risolverli.
I passeggeri, piuttosto che fruire dell'ennesima carrozza cinema sull'alta velocità, preferiscono avere la garanzia di poter viaggiare in condizioni atmosferiche più che prevedibili. Chiediamo investimenti mirati e rispetto dei diritti dei cittadini.
Comunicato stampa
Ufficio Stampa
Federconsumatori Nazionale

http://www.investireoggi.it/attualita/maltempo-neve-ghiaccio-e-pioggia-bloccano-i-trasporti-ferroviari-e-i-diritti-dei-cittadini/

Nessun commento:

Posta un commento