L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 5 febbraio 2015

Mattarella invita Mediaset il giorno dell'insediamento

Parlamentare Forza Italia: “A Berlusconi interessa solo futuro di Mediaset”

Scrivono su Formiche Michele Arnese e Valeria Covato
“Berlusconi più che al Quirinale e ai destini del centrodestra è più interessato o preoccupato per il futuro di Mediaset, che pensa di voler inserire in una operazione internazionale e sistemica”. E’ quanto rivela a Formiche.net un parlamentare di primo piano di Forza Italia che è tutt’altro che critico nei confronti del fondatore azzurro ed ex premier.
Il parlamentare, infatti, sente spesso sia Berlusconi che il suo entourage, oltre che i vertici di Mediaset. Ma quali sarebbero potenzialmente queste operazioni internazionali e/o sistemiche per il gruppo televisivo fondato da Silvio Berlusconi?
Nel futuro di Mediaset, secondo Formiche, c’è un accordo con Telecom:
Le voci di un matrimonio d’interesse tra il principale operatore di contenuti media privato italiano e Telecom Italia si sono al momento sopite lasciando spazio a possibili partnership tra pay tv e società telefoniche, in linea con quanto sta accadendo nel resto dell’Europa. Una tra tutte potrebbe risolversi in un “progetto industriale per legare l’abbonamento alla pay tv ai servizi telefonici”, ha detto Berlusconi jr, spostando la partita dalla fusione con l’operatore telefonico alla convergenza.
Mediaset, scrivono Covato e Arnese, resta comunque alla ricerca di nuovi soci:
Dopo aver avviato la separazione del ramo della tv Premium dalle altre attività. dando il via alla creazione del veicolo societario Med 4 Spa controllato al momento al 100% dalla romana Reti Televisioni Italiane, e con l’ingresso nel capitale di Telefonica con una quota dell’11%, Mediaset è ancora alla ricerca di nuovi soci per ammortizzare meglio i costi per i diritti della Champions che nel 2015 peseranno per oltre 200 milioni aggiuntivi.
Ad entrare nella pay tv del gruppo di Cologno sembravano pronti a scendere in campo anche gli arabi di Al Jazeera, il cui interesse si sarebbe però raffreddato di fronte alle alte valutazioni.
Ma non mancano scenari alternativi. Come quello di una clamorosa alleanza con il nemico Murdoch:
Ma tornare d’attualità è un’altra ipotesi, ovvero quella di un’alleanza sul territorio nazionale con Sky Italia, la pay tv guidata da Rupert Murdoch.
Mediaset potrebbe – secondo alcune indiscrezioni tra il politico e il finanziario – andare alla ricerca di un partner per affrontare la sfida del gruppo di Murdoch, che la fa da padrone nel settore della tv a pagamento, oppure, diventarne alleata.

http://www.blitzquotidiano.it/rassegna-stampa/parlamentare-forza-italia-a-berlusconi-interessa-solo-futuro-di-mediaset-2092021/ 

Nessun commento:

Posta un commento