L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 18 marzo 2015

cialtroni al governo mondiale

in Siria non c'è una guerra civile, non c'è mai stata una guerra civile, ci sono stati e ci sono bande armate che con  soldi, armi, uomini e appoggi politici dati dalla Turchia, Arabia Saudita, Qatar, Europa e Stati Uniti hanno fomentato, ormai da anni, una vera e propria guerra al governo legittimo di Assad.

La Siria di Assad doveva essere eliminata in quanto paese non allineato ai voleri degli Stati Uniti, e alleato strategico dell'Iran, paese di collegamento con gli Hezbollah, nati dalla restistenza del popolo libanese all'ingerenza e alla prepotenza degli ebrei racchiusi in Israele, terra occupata abusivamente, strappata e mantenuta brutalmente, al popolo palestinese, mantenuto sotto un giogo di schiacciamento di qualsiasi aspirazione di libertà e di emancipazione.

Il circo mediatico non ha mai voluto raccontare la verità, sempre succube del volere del Pensiero Unico voluto dal Capitalismo Totalizzante, non vuole raccontare la verità in quanto è foraggiato, stipendiato dal potere funzionale di questo Sistema Economico. Il circo mediatico non solo non racconta la verità, ma ci sommerge di false notizie, di menzogne, a getto continuo.

Questa mattina,  per esempio, di nuovo la favola che Assad ha usato armi chimiche, in passato è stato dimostrato il contrario, le accuse fatte dal circo mediatico si sono sempre scontrate con la realtà dei fatti. La Rivoluzione a Pagamento ha usato e certamente continua ad usare armi chimiche contro il governo Assad, come ha usato e continua ad usare atti di terrorismo contro la popolazione inerme, spargendo morti e terrore.

La Rivoluzione a Pagamento, non solo ha distrutto città, paesi, prodotto morti e militari e civili: uomini, donne, bambini, prodotto centinaia di migliaia di profughi, ha attirato la feccia umana del medio oriente, europea, occidentale che si è venduta all'offerente per soldi, ha attirato anche, pochi, creduloni che sono andati a combattere per la libertà, senza capire che è libertà di imporre l'unico pensiero che è ritenuto valido, quello del pensiero unico.

La Rivoluzione a Pagamento ha viaggiato insieme ad al-Qaeda e poi per caso, ma quando mai le cose nascono per caso, dalla sua costola è nato l'Isis.

Dati Cia a giugno del 2014 i terroristi dell'Isis sono 8.000 uomini, legasi 8.000 uomini. Già a settembre del 2014, dati Cia sono diventati 30.000. Ci vogliono soldi e una forte organizzazione a farli lievitare in cosí breve tempo e l'appoggio politico di molti paesi medio orientali ed occidentali. Appoggio politico e chiusura degli occhi è la caratteristica. Maglie larghe per far passare da un paese all'altro un flusso continuo di uomini e donne, come se la Siria fosse un paese turistico.

Troviamo uomini europei che vanno e vengono, via Turchia, poi tornano in ... Danimarca si riposano qualche mese e poi ripartono e magari ricevono anche l'indennità di disoccupazione.
Troviamo inglesi che qualche mese prima lavorano, come guardie giurate, in Gran Bretagna e poco dopo li troviamo con barba a fare proclami per l'Isis, diventando oratori, teorici che masticano di Islam, ridicoli.

Si dice che l'Isis ha trovato dollari tanti dollari a Mossul, stupidagini, non sono quelli che li fanno andare avanti, come non li fa andare avanti la vendita, all'oro nero di petrolio, come se portare da un pozzo a un vettore che lo trasporta per mare fosse facile e a portata di mano, come se non si avesse la possibilità di controllare tutti i terminal dei oleodotti, come se non di avesse la possibilità ci individuare eventuali acquirenti dell'oro nero. No senza l'appoggio politico dei stati medio orientali ed occidentali l'Isis si sgonfierebbe come un palloncino.

Tikrit dimostra che se si vuole si può sconfiggere militarmente e tranquillamente l'Isis, anche se per il momento l'Iraq si è preso un momento di pausa. 
I curdi, dopo qualche arma seria che hanno ricevuto, hanno dimostrato a Kobane come si eliminano i tagliagole dell'Isis.

Il Circo Mediatico invece di raccontare la verità fa propaganda su tutti i mezzi di informazione, il suo scopo è aumentare, alimentare il terrore delle popolazioni occidentali, dell'Isis, perchè attraverso il terrore i popoli possono meglio essere gestiti dal potere, attraverso il terrore i principi della democrazia possono essere eliminati e il potere puo riunire attorno a se gli individui impauriti.

Attraverso il terrore si impedisce alla gente di pensare, da qui nasce l'operazione di #Charlie Hebdo. 
Chi ha programmato a tavolino, la guerra di civiltà, che ha ordito 11 settembre 2001, quando due aerei fanno crollare tre torri, legasi tre torri. Fatto questo che ha giustificato l'invasione armata con morti e distruzioni dell'Afganistan. Su questa base si è creato la paura delle armi di distruzioni di massa posseduta da Sadam Hussein, che non aveva. Generali statunitensi che all'Onu spergiuravano che c'erano armi pericolossissimi, in Iraq, bugiardi.

#CharlieHebdo dobbiamo distinguere l'azione in due atti, il primo atto in cui troviamo due spietati killer che non fanno errori, ma stranamente riescono a trovare una porta blindata aperta e lasciano viva la persona che l'apre e il secondo atto dove troviamo due imbecilli imbranati che sono dei perfetti capri espiatori per avvalorare l'idea della guerra di civiltà.

No, non c'è #GuerradiCiviltà c'è solo l'imposizione, l'obbligo della Consorteria Guerrafondaia Statunitense di dirigere la politica del mondo, di avere in mano i destini dei popoli, di comandare e mantenere il potere per i soldi, per i privilegi, per avidità. 

martelun



Nessun commento:

Posta un commento