L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 3 marzo 2015

decisioni condivise

Decisioni comuni

Nella tradizione spirituale l'archetipo delle decisioni comuni è il processo decisionale che ha affrontato la piccola comunità raccolta intorno a Ignazio Loyola. I compagni si trovano "davanti alla questione se dare al proprio gruppo una consistenza permanente e per questo sottomettersi a un ordine o una regola, perchè altrimenti il gruppo si sarebbe presto disgregato e disperso. In questa situazione decidono di prendersi tre mesi di tempo per riflettere - e pregare - sul loro cammino comune" Si trovavano di fronte alla decisione se fondare un ordine o limitarsi a collaborare senza vincoli stretti.
Oggi ben pochi gruppi hanno tre mesi di tempo per prendere decisioni importanti. Oggi si fa tutto più velocemente. Ma nonostante questo i primi compagni di sant'Ignazio di Loyola possono essere d'esempio per il modo in cui prendono la decisione. Si ritrovano ogni sera. Ciascuno racconta quello che gli è venuto in mente a favore e contro. Gli altri ascolatano. Non c'è nessuna discussione sul pro o sul contro. Ciascuno si limita ad ascoltare quello che l'altro dice. Poi c'è uno scambio di idee. Ciascuno dovrebbe dire quale sia l'opzione migliore sullo sfondondi quello che ha ascoltato. In questo modo giungono lentamente a una decisione. E l'ideale di decidere all'unanimità non può essere rivendicato da nessuna comunità o azienda. Nonostante ciò da questi compagni possiamo imparare che le decisioni importanti non possono essere "approvate in tutta fretta" ricorrendo alla forza e dicendo che manca il tempo. Infatti, in questo modo, non nasce una vera reciprocità. Certo, è stata presa una decisione, ma dai singoli non viene percepita come una benedizione. Infatti, nel processo molti si sentono ignorati e non sufficientemente presi sul serio.
Proprio nella prima fase del processo decisionale è importante che ciascuno - in famiglia, in un gruppo, in azienda - si esprima e che noi non lo contraddiciamo immediatamente. È necessaria l'arte del saper ascoltare e di lasciar mettere in questione la propria opinione. Quello che l'altro dice deve essere confrontato con i propri sentimenti e argomenti. E si dovrebbe accettare cosí com'è l'opinione degli altri.
Positivo è anche l'esercizio che hanno praticato i compagni di Ignazio: per prima cosa dormire sopra a una decisione. Nel sonno ci immergiamo negli strati più profondi della nostra anima. Da allora questa profondità spesso si chiarisce quello che è davvero un bene per noi. Qui non si toccano solo argomenti razionali. ma le immagini interiori dell'anima. L'anima spesso sa più della ragione quello che è il bene per il gruppo.

da "Fare la scelta giusta" di Anselm Grün

a cura di martelun

Nessun commento:

Posta un commento