L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 1 marzo 2015

Energia pulita si può, basta metterci soldi

Australia, inaugurata la prima centrale elettrica sott'acqua: funziona con l'energia delle onde

le boe sottomarine della centrale australiana
La prima centrale “grid-connected” che sfrutta il potere delle onde per produrre energia è stata inaugurata pochi giorni fa in Australia. Esistono già piccoli dispositivi simili, come l'Islay LIM PET in Gran Bretagna, ma il Wave Energy Project di Perth è, al momento, la più ampia centrale di questo tipo al Mondo che aziona un gruppo di dispositivi connessi fra di loro che sfruttano il moto ondoso per produrre elettricità e acqua desalinizzata. Inoltre, è l'unica nelle quali le sue componenti non galleggiano, ma sono sommerse, ovvero meno vulnerabili a mareggiate e tempeste.

Dopo più di un decennio di test e dimostrazioni pratiche, la società australiana “Carnegie Wave Energy” ha attivato un progetto pilota che ha iniziato a fornire energia prodotta dalle onde in una griglia di commutazione elettrica.

«Questo è il primo apparato di generatori a moto ondoso a essere connesso con una griglia di elettricità in Australia e nel Mondo» dice Ivor Frischknecht, direttore dell'Agenzia australiana per le energie rinnovabili, che ha contribuito al progetto con un terzo degli stanziamenti complessivi; 13 milioni di dollari sono infatti arrivati dallo Stato a fronte dei 32 totali che sono serviti per completare la centrale.
La tecnologia ideata dalla compagnia, chiamata Ceto in onore della dea greca dei mari, converte le onde dell'oceano in energia rinnovabile e in acqua desalinizzata a zero emissioni. La società afferma che il suo sistema è un «diverso dagli altri dispositivi di energia a onde perché opera sott'acqua dove è al sicuro da grandi tempeste e dalla corrosione ed è invisibile dalla costa».

Le boe sommerse sono trattenuto al suolo da unità a pompa, che sono installate a una profondità di 25-50 metri. Le onde che si infrangono nelle boe attivano le pompe che spingono l'acqua pressurizzata attraverso il fondo dell'oceano in una centrale idroelettrica sulla terraferma. Qui l'acqua ad alta pressione aziona le turbine e genera elettricità. Secondo il report di Sophie Vorath per RenewEconomy, «la centrale venderà energia al dipartimento della Difesa australiano, per servire alla più grande base navale del Paese, la HMAS Stirling, locata a Garden Island. Presto servirà anche acqua fresca alla base, non appena l'impianto di desalinizzazione sarà pienamente integrato nel progetto».

Al momento solo due delle tre boe previste sono state installate: «Durante la fase di test, i primi 240kW di capacità di picco dell'unità Ceto 5 hanno lavorato ininterrottamente per più di 2000 ore con successo» ha riferito Frischknecht. La società sta lavorando a dei nuovi dispositivi, Ceto 6, capaci di produrre più di 4 volte l'energia degli attuali generatori.

http://www.ilmessaggero.it/TECNOLOGIA/HITECH/australia_inaugurata_centrale_elettrica_energia_onde/notizie/1209875.shtml

Nessun commento:

Posta un commento