L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 26 marzo 2015

Basta soldi ai condannati


 
Vitalizi, scontro sulla revoca dell'assegno ai parlamentari condannati. Battaglia fra i giuristi
di Diodato Pirone

 Il presidente del Senato, Pietro Grasso

E' legittimo o illegittimo revocare i vitalizi ai parlamentari condannati per gravi reati? La querelle infuria dietro le quinte a palazzo Madama, sia pure in punta di diritto e a suon di citazioni.
Sono arrivate nelle ultime ore ai componenti del Consiglio di presidenza, altri pareri di insigni giuristi in cui si sviscerano i pro e i contro in vista della decisione del Consiglio di presidenza, in cui il peso del presidente Pietro Grasso, favorevole -come Laura Boldrini alla Camera- alla legittimità della revoca ha un forte peso.

Dopo il parere contrario del presidente emerito della Corte costituzionale Cesare Mirabelli, al quale proprio Pietro Grasso di proprio pugno un mese fa ha contrapposto una propria valutazione, Sabino Cassese, giudice emerito della Consulta, e altri, hanno fatto pervenire dietro specifica richiesta, un proprio parere. Quello di Cassese è contrario alle norme previste dalla bozza di delibera del Consiglio di presidenza in quanto «prestano il fianco a numerose critiche perché illegittime costituzionalmente». «Esse dispongono -si legge nel parere - con atto regolamentare una misura sanzionatoria accessoria a misure penali, senza un adeguato fondamento legislativo, in violazione dell'art.25 della Costituzione e «privano con misura sanzionatoria in modo retroattivo i destinatari di un diritto loro spettante in base alle norme precedenti, anche in questo caso in violazione» dell'art. 25 della Costituzione e prevedono l'irrogazione di una sanzione senza che sia garantito il diritto di difesa stavolta in contrasto sia con la Costituzione sia con la Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Ma non finisce qui. Attorno alla possibilità della revoca dei vitalizi per chi abbia subito condanne definitive per alcuni reati (associazione a delinquere, mafia, droga, peculato. corruzione e concussione, fra gli altri), incrociano le lame altri nomi del calibro di professori come Alessandro Pace, Michele Ainis, Massimo Luciani, Giancarlo Ricci.
Pace si concentra sulla natura del vitalizio «unica, specifica e particolare» rispetto alla quale i beneficiari non possono pretendere di invocare principi generali, tanto più che hanno deciso di derogare al regime della previdenza ordinaria. Insomma, quello della «pretesa retroattività» di quanto previsto dalla bozza di delibera del Senato «è un falso problema».

Inoltre, secondo Pace, il Consiglio di presidenza non farebbe che esplicitare quanto previsto dalla Costituzione e cioè che «il non riportare condanne penali per alcuni delitti costituisce un requisito negativo (l'essere moralmente indegno) per l'esercizio del diritto di voto e del diritto di accedere agli uffici pubblici». E quindi la fine dell'erogazione del vitalizio non porrebbe un problema di illegittima retroattività «nemmeno per coloro che, già cessati dal mandato e avendo già riportato una condanna», rientrino nell'eventuale riforma.

Michele Ainis, fra l'altro, arriva alla conclusione che non solo il Consiglio di presidenza può procedere alla revoca ma «in qualche misura deve farlo, per una ragione di etica costituzionale, se non di diritto costituzionale», con l'accortezza però di restituire ai soggetti interessati dei contributi versati«, come peraltro previsto in una prima bozza di delibera.

Anche Giancarlo Ricci propende per la legittimità, mettendo in guardia, anche lui, la necessità di restituire quanto versato per evitare a carico dell'Amministrazione , ossia il ricorso ad una legge ad hoc e dall'accortezza a far riferimento alla giurisprudenza della Consulta e della Corte europea dei diritti umani.

Allo stato, insomma, le forze in campo vedono Ainis, Pace e Ricci a sostegno della legittimità della riforma, Mirabelli e Cassese contrari e Luciani in posizione possibilista a certe condizioni. Il derby non solo continua, ma forse è solo all'inizio.


Nessun commento:

Posta un commento