L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 18 marzo 2015

primo approccio al Tarkish Stream, bene Grecia

Inizio modulo

Fine modulo
Bandiera della Grecia e Partenone
Grecia chiede più informazioni sul gasdotto “Turkish stream”
© AP Photo/ Petros Giannakouris
 17.03.2015

Kostas Isyhos: ancora non conosciamo i particolari del progetto
Grecia vuole più informazioni sul progetto del nuovo gasdotto "Turkish stream", ha dichiarato il vice ministro della Difesa della Grecia Kostas Isyhos, intervistato dall'agenzia Sputnik. Isyhos è anche copresidente della commissione russo-greca per la cooperazione economica, industriale e tecnico-scientifica.
In dicembre dell'anno scorso la Russia ha annunciato la chiusura del progetto "South stream" a seguito della posizione non costruttiva assunta dall'Unione Europea. Contemporaneamente è stato deciso di costuire un altro gasdotto in Turchia, creando un hub al confine con la Grecia.
Kostas Isyhos crede che il nuovo progetto di Gazprom possa dare alla regione una maggiore stabilità. Ciò nonostante ha osservato che "è troppo presto per dire che cosa faremo in merito, perché non conosciamo ancora i particolari del progetto".
"Mercoledì, durante la mia visita a Mosca, potrò avere dagli amici russi informazioni più dettagliate", — ha detto Isyhos.

Nessun commento:

Posta un commento