L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 3 marzo 2015

Stati Uniti, omicidi di stato degli afroamericani autorizzati


Los Angeles: la polizia uccide un senzatetto

02/03/2015 - di
Ennesimo scandalo nella polizia statunitense ed è ancora Los Angeles, forse la città in cui sono avvenuti, nel dopoguerra, i fatti più eclatanti legati alle ingiustizie perpetrate dal famigerato LAPD. A farne la spesa, questa volta, è un povero senzatetto, reo, a quanto sembra dal video, solo di occupare il suolo pubblico.
Cinque agenti, almeno, lo aggrediscono, uno provvede ad allontanare quella che sembra una bambina con violenza cieca. Dopo venti secondi, il dramma. Mentre la vittima viene trattenuta da almeno quattro persone e si dimena, tra urla e minacce, partono vari colpi di pistola in sequenza.
Il barbone muore sul colpo. Non ci sono ancora reazioni ufficiali in proposito, ma la cittadinanza, venuta a conoscenza del fatto da un video su facebook divenuto presto virale e poi rimbalzato sui vari media (a partire dal Los Angeles Times), è sotto schock

http://www.giornalettismo.com/archives/1749771/los-angeles-polizia-uccide-senzatetto-video/?utm_campaign=Newsatme&utm_content=Los%2BAngeles%3A%2Bla%2Bpolizia%2Buccide%2Bun%2Bsenzatetto%2B%28VIDEO%29&utm_medium=news%40me&utm_source=mail%2Balert

Nessun commento:

Posta un commento