L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 27 maggio 2015

Dobbiamo decidere o salvaguardiamo la terra o la deprediamo cambiandola per sempre, accolandoci tutte le conseguenze

Perù: 4 morti in protesta contro miniera


25.05.2015 -
Dimensione carattere
Il Perù ha decretato lo stato di emergenza nella provincia di Islay, nella regione meridionale di Arequipa, dove nuove proteste contro il progetto di miniera di rame Tia Maria hanno causato un altro morto, il quarto in poco più di due mesi, e sette feriti.
Gli scontri sono avvenuti a Cocachacra, dove centinaia di manifestanti hanno affrontato unità antisommossa della polizia per ore nel quadro di uno sciopero contro il progetto. Un manifestante di 55 anni, Ramon Cloque, è morto per una ferita di arma da fuoco. Quando si è sparsa la voce della morte di Cloque, un gruppo di dimostranti ha attaccato il commissariato locale della polizia, ferendo almeno tre agenti.
Il progetto Tia Maria prevede un investimento da 1,4 miliardi di dollari per la Southern Peru Copper Company, filiale della messicana Grupo Mexico, approvato dal governo di Lima malgrado la forte opposizione delle comunità locali, che temono il possibile impatto ambientale della miniera in una regione di grande attività agricola.

http://www.bluewin.ch/it/news/estero/2015/5/25/peru--4-morti-in-protesta-contro-miniera--stato-di.html

Nessun commento:

Posta un commento