L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 20 maggio 2015

Energia pulita, con investimenti arrivano idee e progetti innovativi

Dalla Spagna arriva la turbina senza pale, rivoluzione in materia di energia eolica

19 maggio 2015 –
vortex bladeless eolico
Arriva dalla Vortex Bladeless, società spagnola con sede a Madrid, una vera rivoluzione in materia di energia eolica: la turbina senza pale capace di sfruttare l’energia del vento utilizzando la “vorticità” del vento stesso. Si tratta di un passo in avanti innovativo se si pensa che tra gli aspetti più discussi dell’installazione di nuovi impianti eolici ci sono l’impatto paesaggistico, problemi provocati dal rumore e il possibile pericolo per gli uccelli che transitano nelle vicinanze delle grandi pale.
La turbina senza pale ideata dalla società spagnola è costituita da un lungo cono realizzato in fibra di lana di vetro e di carbonio che ha alla base due anelli ovvero due magneti respingenti funzionanti da motore non elettrico. Quando il cono si muove in una direzione, uno dei due magneti tira nell’altra direzione così che anche quando c’è poco vento, viene data comunque una spinta che sollecita il movimento del montante.
Questa rivoluzionaria turbina riduce notevolmente l’impatto visivo rispetto agli impianti eolici che conosciamo tutti ed è dotata di un sistema più silenzioso e più sicuro per la vita degli uccelli. I tecnici dell’azienda assicurano inoltre che, proprio grazie all’assenza delle pale, si può arrivare ad un risparmio in fase di produzione pari al 53% rispetto alle tradizionali turbine multi-lama. Per adesso è stato realizzato un prototipo, il “Vortex Mini“, alto 12 metri, ma è prevista anche la realizzazione del “Vortex Gran“, specifico per grandi impianti.

http://www.rinews.it/dalla-spagna-arriva-la-turbina-senza-pale-rivoluzione-in-materia-di-energia-eolica-64811/

Nessun commento:

Posta un commento