L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 29 maggio 2015

Il corrotto Pd e la vantata legge sulla corruzione, "ogni crimine commesso con autorizzazione non sarà punibile"

Legge ecoreati in contrasto con la legislazione europea

20235 a4173527 maggio 2015
PeaceLink scrive al Commissario europeo per la Giustizia Věra Jourová evidenziando come il disegno di legge 1345 sugli ecoreati, convertito in legge il 19 maggio scorso, "rappresenta un pericolo e costituisce un tentativo di interferire con la giustizia".
Alleghiamo la traduzione della lettera in inglese scritta alla Commissione Europea.
Nella lettera inviata PeaceLink definisce la legge appena approvata "una manovra finalizzata a evitare che il corso giudiziario per i crimini ambientali e delitti anche gravi venga rispettato".
Il conflitto fra la normativa europea e la legge sugli ecoreati è così evidenziato nella lettera inviata al Commissario Europeo per la Giustizia: "PeaceLink crede che la nuova legge violi la direttiva 2008/99/EC del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008, sulla protezione dell'ambiente attraverso la legge penale".
Con la nuova legge "ogni crimine commesso con autorizzazione non sarà punibile". Il testo della nuova legge "offre la possibilità a coloro che stanno commettendo reati ambientali anche importanti di non essere perseguiti".
Nella lettera PeaceLink si dice preoccupata della nuova legge, fortemente voluta dal governo e votata da una trasversale maggioranza di partiti, perché "rappresenta un'autorizzazione a continuare ad inquinare per tutti quegli impianti, installazioni, stabilimenti, che de facto costituiscono un pericolo reale e accertato per la salute umana e per l'ambiente".
In particolare questa legge sembrerebbe scritta in maniera tale da offrire all'Ilva la possibilità di inquinare al riparo dall'azione della magistratura.
Nella lettera si sottolinea come PeaceLink sia autrice della denuncia da cui discende una infrazione europea per il più grande stabilimento siderurgico d'Europa.
"Chiediamo pertanto che la Commissione Europea intervenga e possa indagare sulla reale natura di una legge che mette a rischio il processo penale per l'Ilva (Ambiente Svenduto) e che rappresenta l'ancora di salvataggio per diversi stabilimenti inquinanti", conclude la lettera di PeaceLink alla Commissione Europea.
Ricordiamo che la legge sugli ecoreati appena approvata dal Parlamento punisce il disastro ambientale solo se realizzato "abusivamente". In tal modo chi commettesse crimini ambientali potrà difendersi sostenendo che è vero che ha leso delle persone e che ne ha anche provocato la morte o che ne ha messo in pericolo la vita, ma che tutto ciò è stato fatto "legittimamente", senza violare le leggi esistenti e senza venir meno all'autorizzazione ottenuta. Questa norma sembra dire che con la giusta autorizzazione l'inquinatore può ferire, uccidere o mettere in pericolo la vita di moltissime persone.
La storia dei processi per disastro ambientale dimostra come impianti regolarmente autorizzati e formalmente a norma rispetto alla legislazione vigente hanno provocato la morte di moltissime persone, uno per tutti lo stabilimento Eternit di Casale Monferrato, che produceva manufatti d'amianto in un periodo in cui la legislazione italiana non vietava ciò. Ciò nonostante quello stabilimento ha provocato malattia e morte. Ecco perché la legge sugli ecoreati non solo danneggia la lotta che conduciamo a Taranto sull'ILVA ma danneggia diverse lotte nazionali che rischiano di non ottenere giustizia.
Il disastro ambientale è tale sia che sia "cagionato abusivamente" sia che non lo sia.
Per PeaceLink
Antonia Battaglia
Luciano Manna
Alessandro Marescotti

http://www.antimafiaduemila.com/2015052755443/world-news/legge-ecoreati-in-contrasto-con-la-legislazione-europea.html 

Nessun commento:

Posta un commento