L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 19 maggio 2015

l'Euro ha fatto arrichire il Capitale tedesco, l'imbecille al governo o lo sa o non lo sa

solo degli imbecilli possono pensare che la Germania dia la possibilità all'Italia di fargli concorrenza ricreando il tessuto industriale che gli stessi imbecilli hanno concorso a distruggere, martelun

Renzi, il Governo dei records: debito pubblico, disoccupazione, pressione fiscale …

Giancarlo Marcotti 1 Commento
Ebbene sì, sono questi i records di cui, al momento, si può vantare il Governo Renzi e purtroppo sono solo parziali, perché vengono costantemente battuti di volta in volta, insomma il nostro attuale Governo, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese … riesce sempre a far peggio.
Ed allora che dire? Renzi ed il suo staff sono degli incapaci?
Beh! Un po’ sì, ma non basta l’inettitudine dell’intero esecutivo a spiegare il disastro italiano, purtroppo in queste condizioni, e cioè utilizzando la stessa moneta della Germania, e dovendo stare agli ordini della Germania … oops scusate … dell’Unione europea, qualunque Presidente del Consiglio e qualunque Governo non potrebbe raddrizzare la situazione.
Certo si potrebbe fare meglio, anzi, molto meglio, ma una crescita “vera”, ossia il +3 o 4% annuo rimarrebbe un miraggio. Per tornare a produrre ricchezza abbiamo assolutamente bisogno di liberarci da questa trappola mortale che si chiama euro.
Prima o poi accadrà perché all’uomo si può chiedere di tutto, anche la sottomissione, ma non si può privarlo del futuro.
Non dobbiamo dimenticare infatti una cosa di fondamentale importanza, il genere umano di distingue da tutti gli altri esseri viventi poiché è il solo in grado di progettare, in altre parole di agire in previsione del futuro.
Se ad un uomo si toglie la possibilità di “pensare al futuro” si va contro la sua natura, quindi, diventa violento, estremamente violento, o verso se stesso, o verso gli altri.
La storia ci ha fornito numerosissimi esempi in tal senso, e tende a ripetersi proprio perché non possiamo andare contro le leggi della fisica … e della natura.
La saggezza è quindi ciò che ci fa frenare, prima di andare a sbattere, speriamo che ciò che accadrà in Grecia fra qualche settimana sia di monito a tutti e faccia comprendere, a coloro che rivestono incarichi di grande responsabilità, che, se ancora è rimasto loro un barlume di buon senso … è proprio il momento di usarlo.

http://www.finanzainchiaro.it/renzi-il-governo-dei-records-debito-pubblico-disoccupazione-pressione-fiscale.html
Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro 

Nessun commento:

Posta un commento