L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 15 giugno 2015

il primo ministro, segretario del corrotto Pd è stato denunciato

Matteo Renzi denunciato per associazione a delinquere, peculato e corruzione

renzi-Redazione– Giunge in queste ore la comunicazione ufficiale di Alessandro Maiorano in cui si legge che Matteo Renzi è stato denunciato per i seguenti reati: associazione a delinquere; peculato (reato commesso da un pubblico ufficiale, o dall’incaricato di un pubblico servizio, che si appropria di denaro o di altro bene mobile altrui, affidatogli in ragione delle sue funzioni); e corruzione.
Tutto è nato da una richiesta di aiuto da parte del Maiorano la cui mamma versava – e tutt’ora versa – in condizioni di salute molto delicate.
A partire da allora, il Maiorano, dopo aver distrattamente colto una assurda incongruenza tra i dati contenuti nelle comunicazioni degli Ufficiali Giudiziari, ha cominciato ad indagare sui trascorsi di Matteo Renzi e sul sospetto giro di abitazioni e repentini cambi di residenza avvenuti in concomitanza delle sue scoperte.
Nel comunicato di Alessandro Maiorano, si legge dell’altro: Matteo Renzi avrebbe sperperato almeno 30 i milioni di euro per cene di rappresentanza, viaggi all’estero e per la realizzazione di due iniziative di promozione dell’immagine stessa del Renzi: la “Genio Fiorentino” che, come si legge nel documento, si “presenterebbe come una clamorosa operazione di peculato”; e l’altra che si chiama “Florence Multimedia” con tanto di web-tv attraverso cui “il Renzi tanto si pose in contrapposizione con gli interessi pubblici della Provincia che azzerò, eticamente, l’Ufficio pubblico della stessa Provincia, sostituendolo con questo mastodontico baraccone mangiasoldi… enfatizzando, con l’irradiazione della sua immagine, modesti episodi riconducibili ad interesse pubblico, ma tanto modesto da non implicare minimamente una così costosa pubblicizzazione”.
Praticamente, stando al contenuto della dichiarazione del Maiorano, “Genio Fiorentino” e “Florence Multimedia” si passavano il testimone l’un l’altra cosicché “venivano dati soldi in più a Florence Multimedia per curare questa promozione, soldi che tirava fuori la Provincia erogandoli a favore di “Genio Fiorentino”, il quale doveva trasferire la somma a Florence Multimedia, la quale così accresceva le potenzialità economiche per curare l’immagine del Renzi”.

http://www.articolotre.com/2015/06/matteo-renzi-denunciato-per-associazione-a-delinquere-peculato-e-corruzione/

Nessun commento:

Posta un commento