L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 18 giugno 2015

la Grecia sarà la prima nazione a liberarsi dalla schiavitù dell'Euro

L'ala radicale di Syriza vuole un default in stile islandese e la nazionalizzazione del sistema bancario

L'ala radicale di Syriza vuole un default in stile islandese e la nazionalizzazione del sistema bancario
 

La “Piattaforma di sinistra” è pronta a tornare alla dracma


La vera motivazione dietro la linea dura adottata dai creditori della Grecia nei negoziati con i rappresentati del paese ellenico è stata ben espressa in un recente articolo dell'economista francese Jacques Sapir: 

"Ciò che l'Unione europea sta cercando, attraverso l'Eurogruppo, è cauterizzare il precedente inaugurato dalle elezioni greche del gennaio 2015. Questo per dimostrare non solo alla Grecia, ma alla Spagna, all'Italia e alla Francia, che non si può "uscire dal quadro di austerità", come è stato organizzato dai trattati. Così l'importante non è tanto piegare la Grecia, o umiliare i suoi dirigenti (anche se alcuni leader europei sono di questa idea), ma rimuovere il desiderio dei popoli d'Europa a ribellarsi attraverso elezioni contro i diktat di Bruxelles e Francoforte". 

Questo è diventato ancora più importante dopo le elezioni regionali e municipali in Spagna che hanno esposto il crescente risentimento verso la troika e un forte sostegno per Podemos, un movimento politico progressista che è, per molti versi, ideologicamente allineate con Syriza.

Ma a minacciare Tsipras e il suo governo non sono solo i creditori.

Il 25 maggio c'è infatti stato il voto del comitato centrale di Syriza che ha respinto le proposte da parte della Piattaforma di sinistra del partito, guidata dal ministro per le Ricostruzione Produttive, l'Ambiente e l'Energia, Panagiotis Lafazanis, di non pagare la rata al FMI e di nazionalizzare le banche del paese.Tsipras ha vinto con 95 voti, mentre 75 hanno votato a favore di un default ma ciò significa che qualunque accordo con i creditori dovrà ottenere il via libera dei membri più radicali di Syriza, perchè la cosa peggiore dei controlli di capitale o di un 'Grimbo' sarebbe una sconfitta di Tsipras in Parlamento al momento della votazione sull'accordo con i creditori a causa di lotte intestine di partito che porterebbero ad una rapida disintegraziane del governo.

E infatti i funzionari dell'UE non sono gli unici a stendere piani di controlli sui capitali e Grexit. Come riporta il Telegraph, la fazione di estrema sinistra all'interno di Syriza è pronta a tornare di nuovo alla dracma. 
 
L'ala radicale di Syriza sta lavorando per un default in stile islandese e e la nazionalizzazione del sistema bancario greco, ritenendo inutile proseguire i colloqui con le potenze creditrici in Europa.
 
Fonti di Syriza dicono che le misure in corso di elaborazione includono controlli sui capitali e la creazione di una banca centrale sovrana in grado di gestire un nuovo sistema finanziario. Mentre qualche forma di doppia valuta potrebbe essere possibile in teoria, una tale struttura sarebbe incompatibile con l'adesione all'euro e implicherebbe un rapido ritorno alla dracma.
 
I piani riservati sono circolati durante il fine settimana e hanno il sostegno di 30 deputati della 'piattaforma di sinistra', così come altri gruppi più radicali nello spettro di Syriza. Resta inteso che il anche il partito nazionalista ANEL, nella coalizione di governo, è disposto a forzare una rottura con i creditori, se necessario.
 
"Questo va ben oltre la piattaforma di sinistra. Stiamo parlando di numeri importanti," ha detto un deputato di Syriza coinvolto nel progetto.
 
"Siamo tutti inorriditi dall'idea di una resa, e non permetteremo di essere strozzati a morte dall'Unione monetaria europea", ha detto al Telegraph.
 
La Piattaforma di sinistra di Syriza ha studiato il modello islandese, esaltato come una storia di successo da parte del Fondo Monetario Internazionale 
 
"Le banche greche devono essere nazionalizzate subito, insieme alla creazione di una bad bank. Ci potrebbero essere alcune restrizioni al prelievo di contanti", ha detto un deputato Syriza.
 
Syriza ha una forte motivazione ideologica a colpire le élite finanziarie. Vede le banche come il centro nevralgico di una oligarchia radicata che ha gestito il paese per più di mezzo secolo come un affare di famiglia. Costringere queste istituzioni al fallimento equivarrebbe ad una purga socio-politica, meglio intesa come una rivoluzione.
 
L'Islanda è un modello allettante per la Grecia, ma il parallelo non può essere spinto oltre. Il paese nordico ha preso il controllo delle sue tre grandi banche - Glitnir, Kaupthing, Landsbanki - quando la crisi è andata fuori controllo alla fine del 2008.
 
Come promemoria,

da WalStreetItalia

l'Islanda è diventato il primo paese europeo coinvolto nel caos finanziario del 2008 a registrare un Pil superiore ai livelli pre crisi. Il paese ha adottato un approccio totalmente differente dagli altri. Mentre il governo britannico ha nazionalizzato Lloyd e RBS con i soldi dei contribuenti e mentre gli Stati Uniti hanno comprato quote azionarie nelle banche di Wall Street ritenute 'too big to fail', Reykjavik ha lasciato che gli istituti di credito fallissero e ha messo in prigione i banchieri e gli altri responsabili della crisi.

Nessun commento:

Posta un commento