L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 20 giugno 2015

Stati Uniti, un paese in decomposizione che riesce a seguire solo il Capitalismo UltraFinanziario dimenticando il suo popolo

Il debito nazionale degli Stati Uniti è fuori controllo. Washington Times

 Il debito nazionale degli Stati Uniti è fuori controllo. Washington Times
 

Le prospettive a lungo termine per il bilancio federale sono peggiorate notevolmente negli ultimi anni. L'Ufficio di Bilancio del Congresso,


L'aumento del debito nazionale degli Stati Uniti minaccia di soffocare la crescita economica in un decennio, scrive il   Washington Times in riferimento alla relazione dell'Ufficio di Bilancio del Congresso, CBO.
 
Le previsioni di bilancio federale a lungo termine sono peggiorate notevolmente negli ultimi anni, secondo il rapporto del CBO, e il debito federale potrebbe crescere fino a un livello record rispetto alle dimensioni dell'economia degli Stati Uniti.
 
"Il nostro debito nazionale sta andando fuori controllo" , ha detto il presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Rappresentanti, il repubblicano Tom Price. Secondo gli analisti, non si sa quando sarà raggiunto il punto limite sulla questione del debito nazionale, ma ad un certo punto gli investitori dubiteranno della capacità degli Stati Uniti di far fronte alla situazione. Allora cominceranno a chiedere tassi di interesse più elevati, causando una crisi finanziaria, scrive il Washington Times .
 
Secondo Robert Bixby, direttore esecutivo della 'Concord Coalition', un gruppo bipartisan che ha tra i suoi obiettivi la riduzione del deficit del governo, il prossimo presidente degli Stati Uniti deve agire rapidamente e in modo efficace per portare lo Stato su un percorso più sostenibile.
 
Per evitare un tale scenario, le autorità statunitensi dovrebbero tagliare il budget e aumentare le tasse, secondo il CBO, che sostiene anche che il rinvio delle misure di austerità non farà che aggravare la situazione.
 
Al fine di mantenere il debito pubblico ai livelli attuali, la classe media americana dovrebbe pagare 750 dollari in più di tasse ogni anno, secondo il quotidiano capitolino.
 
Anche se nei prossimi anni l'economia americana potrebbe mostrare un miglioramento in materia di bilancio, fattori quali l'invecchiamento della popolazione, l'aumento dei costi dell'assistenza sanitaria, come pure le promesse generose di aiuti di Stato, invertiranno il trend positivo, scrive il quotidiano.

Nessun commento:

Posta un commento