L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 1 luglio 2015

2015 crisi economica, manca liquidità

Gross: "Andate cash, vendite da panico in vista"

WSI | Pubblicato il 01 luglio 2015
È l'unico asset sicuro. Quando tutti inizieranno a riscuotere i loro crediti, i gestori dovranno avere soldi liquidi a portata di mano.



Dal 2005 il trading turnover è calato del 35% nei bond investment grade e del 55% nei titoli High Yield.

NEW YORK (WSI) - Anche Bill Gross, il manager di Janus Capital ex Ceo di Pimco, si unisce alla schiera di analisti che consiglia di accumulare cash per mettersi al riparo dalle vendite che saranno accentuate dalla illiquidità del mercato.

Da Societe Generale a Fidelity Investments, molti gruppi di gestione dei portafogli hanno consigliato di detenere cash, l'unico asset veramente sicuro di questi tempi. L'assenza di liquidità nel mercato secondario, in particolare, fa temere il peggio e potrebbe creare le condizioni per una pioggia di vendite.

Quando tutti vendono, i gestori sono chiamati a fare due cose: contrappore cash per pagare chi chiederà di riscuotere i propri crediti, oppure devono scambiare i titoli sottostanti. L'ultima opzione è decisamente poco desiderabile in un mercato senza liquidità e pone grandi rischi sistemici.

Accumulare cash è dunque in tale contesto una buona strategia per rispondere alla prima ondata di vendite che sta per arrivare ed evitare, almeno inizialmente, di capitolare. È il concetto espreso daGross.

Nel suo ultimo outlook mensile sugli investimenti il "guru dei bond" descrive nel dettaglio gli eventi che potrebbero provocare un esodo della clientela retail, facendo cadere il primo pezzo del domino.

"Gli investitori dovrebbero accumulare una quota sufficiente di cash da permettere loro di sopravvivere a una tempesta causata dal rialzo dei tassi o da uno shock esogeno".

Il momento delle vendite da panico sta arrivando, accumulate cash e sarete al sicuro. 

Nessun commento:

Posta un commento