L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 29 luglio 2015

Grecia, gli euroimbecilli hanno solo rimandato il problema procurando nel frattempo altre lacrime e sangue al popolo greco







CHI L'HA DETTO CHE LA GRECIA NON USCIRA' PIU' DALL'EURO? IL PIANO ''VAROUFAKIS'' E' PRONTO E IN STAND BY, NON CANCELLATO.

martedì 28 luglio 2015
ATENE - Continua a far discutere il piano segreto stilato dall'ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, per la creazione di un sistema alternativo di pagamenti che pur se non attuato potrebbe essere tenuto nel cassetto e pronto ad essere utilizzato alla bisogna, riaprendo cosi' tutti i discorsi legati ad un'uscita di Atene dalla zona euro.
Lo riporta il quotidiano ellenico "Kathimerini".
Come ammesso dallo stesso Varoufakis, il ministero avrebbe messo su un'apposita squadra incaricata per creare un sistema bancario basato su cambiali con un apposito gruppo incaricato di acquisire i dati e le password dei correntisti bancari, un piano pero' lasciato cadere dopo la vittoria del governo nel referendum dello scorso 5 luglio in merito all'accettazione delle misure imposte da Bruxelles per salvare la Grecia dal fallimento, in questo piano aveva un ruolo anche l'ex ministro dell'Energia greco Panayiotis Lafazanis pronto a requisire le riserve di liquidita' presso la zecca dello Stato.
In alcune cancellerie europee, ovviamente Berlino e Parigi le più importanti, ora il sospetto e' che questo piano non sia stato del tutto stracciato ma solo accantonato. Secondo Varoufakis e' saltato la notte del referendum, 5 luglio, quando i cittadini ha votato per respingere le proposte di Bruxelles, e da allora la Grecia ha riguadagnato tempo e terreno nelle trattative con i creditori internazionali varando anche due dei tre pacchetti di riforme concordate, il timore pero' e' che se dovessero verificarsi nuove tensioni tra le parti la Grecia potrebbe tornare a paventare un'uscita dalla zona euro.
Secondo James Galbraith, professore presso l'Universita' del Texas il piano era stato pensato solo per studiare le questioni operative legate ad un'uscita della Grecia dall'euro. La situazione comunque rimane tesa anche perche' il sistema bancario greco e' ancora fermo e il governo non ha annunciato quando revochera' le misure varate alla fine di giugno, nel frattempo i depositi bancari di imprese e famiglie sono scesi a 122 miliardi a giugno, il dato piu' basso dal 2003. E la borsa è chiusa ormai da oltre un mese, con il divieto della Bce alla riapertura.
Intanto, i creditori internazionali vogliono che la Grecia vari anche la terza ondata di riforme concordate prima di far partire il nuovo prestito da 86 miliardi in tre anni per evitare al paese la bancarotta. Ieri le parti sono tornate ad incontrasi ma le rivelazioni dell'ex ministro Varoufakis sull'ideazione di un sistema di pagamento alternativo ha aumentato le tensioni anche se le parti sono concordi nel chiudere il nuovo accordo entro il 20 agosto, scadenza della prossima rata con la Banca centrale europea, ma per farlo il governo di Alexis Tsipras dovra' portare a Bruxelles l'approvazione di tutte le misure concordate, soprattutto i due provvedimenti che maggioranza ed opposizione stanno procrastinando per non perdere i proprio bacini elettorali ovvero l'abolizione delle baby pensioni e le modifiche al sistema fiscale degli agricoltori.
Il partito di maggioranza relativa Syriza vuole evitare di cancellare le baby pensioni, o anche solo ridurle, mentre il principale partito di opposizione, Nuova democrazia, che pure sta votando con il governo per senso di responsabilita' e' pronta a fare barricate per difendere le agevolazioni fiscali di cui godono gli agricoltori. Il premier Tsipras ha richiamato all'unita' il suo partito, Syriza, spaccato nelle ultime due votazioni con la stessa maggiora appesa ad un filo, annunciando di essere disponibile a dialogare per discutere della riforma del lavoro, per l'eliminazione graduale delle misure per gli agricoltori e per limitare il piu' possibile la riforma pensionistica, anche se questo potrebbe complicare il dialogo con la Commissione europea.
Redazione Milano

CHI L'HA DETTO CHE LA GRECIA NON USCIRA' PIU' DALL'EURO? IL PIANO ''VAROUFAKIS'' E' PRONTO E IN STAND BY, NON CANCELLATO.

http://www.ilnord.it/c-4352_CHI_LHA_DETTO_CHE_LA_GRECIA_NON_USCIRA_PIU_DALLEURO_IL_PIANO_VAROUFAKIS_E_PRONTO_E_IN_STAND_BY_NON_CANCELLATO

Nessun commento:

Posta un commento