L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 6 luglio 2015

Scuola, i neuroni dei deputati del corrotto Pd fanno corto circuito, sono capaci solo a dire si alle stupidaggini del governo

Ho sottovalutato Matteo Renzi. Lettera

di redazione


Risultati immagini per matteo renzi

Michele Orabona - Ho sottovalutato Renzi Matteo, chiedo scusa, ho sottovalutato l'operato e la lungimiranza di questo signore spavaldo e tronfio non eletto da nessuno ma voluto e imposto dal signor Napolitano con la benedizione della signora (o signore?) Merkel.

Chiedo scusa se ho azzardato una opinione negativa su questo governo composto da un manipolo di persone, che ho definito ontologicamente mediocri, portatori di una sottocultura che si ispira al massimo al gioco della ruota della fortuna di cui Renzi Matteo pare essere grande esperto.

I Faraone, le Puglisi, iToccafondi, le Boschi, le Giannini ecc.ecc.ecc. non posso ricordarli tutti, sono l'espressione di un nichilismo disperante e disperato, sono l’espressione (questi signori) di una anomia emotiva, passatemi il termine filosofico difficile, riflesso inconscio di una erosione raccapricciante di tutti i loro riferimenti culturali e spirituali che portano inevitabilmente alla perdita del senso e della direzione di ogni progetto umano, manifestando purtroppo una visione meschina e mediocre del mondo per spiegare lo stato d'animo generale della loro disperazione e della loro pericolosa percezione dell'esistenza umana. 

Scusami Renzi Matteo se ti ho sottovalutato, se ho sottovalutato la tua intelligenza, la tua sensibilita', la tua (sotto)cultura, tu non sei persona mediocre, in realta' ti ho sopravvalutato , tu sei mostruosamente sotto la mediocrita', sei insufficiente, sei bocciato!!! anzi sei come le temperature del nord est: sei non pervenuto, tu e il tuo governo di dilettanti.

Da un anno e mezzo ormai la tua azione politica governativa ha avuto solo un unico obiettivo: accanirsi sadicamente contro la scuola pubblica, umiliandola, martoriandola per distruggerla, con l’intento palese di svenderla e regalarla a Confindustria e alle fondazioni dei novelli capitalisti ultraliberistilobbisti.

Nulla il tuo governo ha fatto per abbassare le tasse, per combattere la corruzione, per tagliare gli sprechi delle Regioni, degli Enti inutili e parassitari, nulla hai fatto per eliminare di fatto le vergognose e immorali pensioni d’oro, nulla il tuo governo ha fatto per la povera gente e le famiglie che ormai non arrivano piu’ a fine mese, nulla hai fatto per i poveri pensionati che percepiscono pensioni miserabili e umilianti, nulla hai fatto per i disabili che soffrono, tagliando ulteriormente i fondi statali a loro destinati, nulla hai fatto per le piccole e medie imprese, nulla il tuo governo ha fatto per favorire una sanita’ migliore, equa e gratuita per tutti, nulla, nulla, nulla.

Hai solo fatto quello che ti riesce meglio, l’imbonitore, forte con i deboli e debole con i forti, hai solo inferto il colpo di grazia alla scuola pubblica italiana, con i tristi provvedimenti scellerati e incostituzionali che ormai tutti conoscono bene. Ma non finisce qua, la speranza e’ l’ultima a morire, prima o poi andremo al voto. Ultima nota, quello che ti riesce davvero bene, e in questo sei un vero maestro, devo riconoscerlo, Renzi Matteo, e’: correre scodinzolando dalla Frau Merkel, ansioso e felice di prendere dalle sue mani il meritato biscottino e la meritata grattatina sotto al pancino, per aver eseguito diligentemente gli ordini (come i tuoi predecessori a onor del vero), magari sbavando anche un po’ dall'emozione.

Nessun commento:

Posta un commento