L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 1 agosto 2015

Come sempre il Pd contro gli interessi delle comunità


Sulmona. Metanodotto Snam: il Ministero accelera i tempi, la Regione dice no

Pubblicato il 31 luglio 2015 
‘Siamo a dir poco esterrefatti’. Con una dura lettera indirizzata al Ministero dello Sviluppo economico, l’assessore all’Ambiente, Mario Mazzocca, ha chiesto il rinvio della conferenza dei servizi, convocata dalla stesso dicastero per il prossimo 6 agosto per discutere del procedimento autorizzativo in ordine al progetto del metanodotto Sulmona-Foligno.
Secondo Mazzocca, la convocazione è ‘quantomeno inopportuna, dal momento che nella riunione tenutasi il 20 luglio scorso presso la Presidenza del Consiglio dei ministri si era deciso, presente lo stesso Ministero, di procrastinare di 45 giorni la convocazione dell’incontro conclusivo per verificare la possibilità di raggiungere l’intesa sulla centrale di compressione ubicata a Sulmona. Dunque – sottolinea Mazzocca – non possiamo che contestare l’atteggiamento del Ministero, che viola gli accordi presi. Non si tratta solo di una questione formale. La decisione, che dovrebbe scaturire da questo approfondimento, è strettamente connessa con il progetto del metanodotto’.
Mazzocca ribadisce, inoltre, che l’Abruzzo, anche a nome di Marche, Umbria e Molise, ha chiarito che ‘non intende esprimere alcun assenso all’intesa sul progetto fino a quando non saranno chiariti i nodi relativi alla centrale di compressione di Sulmona.
Abbiamo finora negato l’intesa sui progetti del gasdotto – continua l’assessore – e della centrale, impegnandoci a presentare una proposta alternativa che stiamo definendo nel confronto con la Presidenza del Consiglio dei ministri. Qualsiasi fuga in avanti da parte del Ministero non può essere accettata.
Chiediamo quindi il rinvio della conferenza dei servizi a data da destinarsi, comunque non prima della definizione dell’ubicazione della centrale, in modo da permetterci di svolgere tutto il lavoro già avviato per la definizione di una soluzione che sia consona alle esigenze di tutela ambientale e di sostenibilità che questa regione ha fissato come prioritarie nel proprio programma di governo’.

http://www.ageabruzzo.it/2015/07/sulmona-metanodotto-snam-il-ministero-accelera-i-tempi-la-regione-dice-no-87748

Nessun commento:

Posta un commento