L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 9 agosto 2015

i Fratelli Musulmani hanno progettualità politica, il governo egiziano lo sa

Egitto: governo respinge offerta del Qatar di mediare con Fratelli musulmani

il Cairo, 09 ago 10:10 - (Agenzia Nova) - Il portavoce del ministero degli Esteri egiziano, Ahmed Abu Zayd, ha reso noto che il suo governo intende respingere in modo netto la proposta avanzata dal Qatar di avviare una mediazione con i Fratelli musulmani egiziani per arrivare ad un accordo al Cairo e porre fine all’escalation di violenze che stanno colpendo il paese. A proposito delle dichiarazioni rilasciate dal ministro degli Esteri qatariota, Khalid bin Mohammad al Attiyah, che aveva offerto la disponibilità del suo paese a mediare tra le parti, il diplomatico del Cairo ha affermato che si tratta di “ingerenze inaccettabili negli affari interni egiziani”. Il portavoce egiziano ha ribadito che per “il popolo egiziano i Fratelli musulmani sono un gruppo terrorista e non c’è spazio per la trattativa”.
 http://www.agenzianova.com/a/55c70d275908a3.97693198/1192173/2015-08-09/egitto-governo-respinge-offerta-del-qatar-di-mediare-con-fratelli-musulmani
 

Nessun commento:

Posta un commento