L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 11 agosto 2015

Siria, la Rivoluzione a Pagamento è stata voluta dalla Turchia, Arabia Saudita, Qatar, Europa e Stati Uniti

Arabia Saudita, alleanze e strategie contro ISIS

agosto 11, 2015 • Medio Oriente
Obama-meets-with-Saudi-King-Abdullah-in-Washington_4
Redazione
L’accordo fra USA e Iran sul nucleare ha indotto l’Arabia Saudita a prendere l’iniziativa per accelerare e intensificare la ricerca di accordi che forgino un’alleanza regionale sunnita, che isoli l’Iran.
A Mosca si sono tenuti recentemente una serie di incontri ad alto livello fra i Sauditi e rappresentanti del governo di Assad per discutere una soluzione del conflitto in Siria che assicuri che Assad mantenga una parte di potere, rinunciando però al sostegno dell’Iran e di Hezbollah, organizzazione che costituisce la lunga mano dell’Iran sulle coste del Mediterraneo.
Le discussioni per ora non hanno dato frutto: Assad non si fida. Ma il gesto è stato fatto, il dialogo è stato aperto, con vantaggio d’immagine per i Sauditi. In Siria i Sauditi sono molto attivi su più fronti: finanziano da mesi una pletora di tribù sunnite, sia per evitare infiltrazioni iraniane, sia per non lasciare mano libera all’ISIS.
Anche in Sudan i Sauditi stanno offrendo aiuti e collaborazione, per controbattere l’influenza iraniana. Nelle scorse settimane si sono intensificati gli incontri con Hamas, cui i Sauditi offrono finanziamenti per l’economia di Gaza e sostegno nel combattere le infiltrazioni dell’ISIS, in cambio di un totale distacco dall’Iran.
In Yemen gli Houthi sono stati cacciati da Aden, grazie all’intervento aereo e ai rifornimenti sauditi, e stanno ritirandosi nei loro territori tradizionali. Combattono ancora attorno a Sanaa, ma sono sulla difensiva, non all’attacco.
L’intento dei Sauditi è di porsi non soltanto a capo di una alleanza sunnita capace di tenere a bada Hezbollah, gli Houthi e le tribù sciite del Bahrein, ma anche di presentarsi agli occhi della comunità internazionale come leader credibili ed equilibrati, capaci di agire per la stabilità e per la pace.
Ma quanta influenza possono davvero avere sui gruppi che si confrontano in Siria? Un esempio recente fa pensare che ne abbiamo poca o nulla. Gli Stati Uniti hanno addestrato, armato ed equipaggiato un gruppo speciale di 60 sunniti (la New Syrian Force) e a fine luglio lo hanno mandato in Siria con il compito di attaccare da terra l’ISIS nella zona di Aleppo insieme ad altri gruppi, debitamente informati e istruiti dai loro sostenitori e finanziatori in Arabia Saudita, Turchia e Qatar.
Invece questi gruppi hanno voltato le spalle, mentre al Nusra (grosso gruppo di combattenti affiliato ad al Qaeda) li ha subito attaccati, uccidendone otto. La New Syrian Force ha dovuto ripiegare nella zona curda, dove lo YPG è l’unico gruppo che li ha accolti: gli altri li vedono come nemici, non come alleati.

Nessun commento:

Posta un commento