L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 29 novembre 2015

Bail-in, la Banca d'Italia è colpevole delle truffe ai danni dei correntisti, non si nasconda

Banca Etruria: almeno 30mila toscani hanno perso i risparmi

Federconsumatori: "Problema sociale, prepariamo un esposto in procura" 

 


FIRENZE. “Chi glielo dice a mio padre che ha perso tutto?: inizia così una lettera – arrivata a Federconsumatori Toscana – del figlio di un anziano titolare di obbligazioni subordinate della Banca Etruria, su cui è calata la scure del Decreto di sabato approvato in Consiglio dei Ministri .
Decreto che per il salvataggio della Banca stessa, con la costituzione di una nuova banca, lascia con l’amaro in bocca azionisti grandi e piccoli e risparmiatori che con fiducia sono stati consigliati a mettere i propri soldi in obbligazioni subordinate (quelle emesse dalla banca stessa) e che oggi si trovano azzerato il loro valore. Sono almeno 30mila i risparmiatori toscani di Banca Etruria  in possesso di obbligazioni subordinate che ora valgono zero: mediamente hanno perso 15-20mila euro a testa.

“E’ sicuramente un altro colpo al rapporto di fiducia tra cittadini e sistema bancario che in Toscana ha visto coinvolte migliaia di persone per le vicende  di MPS e della Banca Popolare Vicenza ex CariPrato. Con la vicenda delle obbligazioni subordinate di Banca Etruria, c’è un problema sociale di una comunità che si impoverisce, riceviamo tante persone disperate che chiedono aiuto”, spiega Federconsumatori Toscana, che ((hanno illustrato in conferenza stampa il presidente Fulvio Farnesi, Giuseppe Minigrilli e Pietro Ferrari dell’ufficio di presidenza) si adopererà su più fronti per tutelare le persone coinvolte: “Ci sono gravi responsabilità degli amministratori, del gruppo dirigente e degli stessi organi di controllo, Banca d’Italia e Consob. Verifichiamo se ci sono i margini per l’intervento dei magistrati: stiamo lavorando nella raccolta dati in vista di esposto in procura. Temiamo che nella stragrande maggioranza dei casi le obbligazioni subordinate siano state vendute a soggetti che non avevano le caratteristiche (Mifid) per tale tipologia di prodotto finanziario (alto rischio). Vanno anche sollecitati i parlamentari toscani affinché in fase di conversione del Decreto si recuperi questa enorme ingiustizia. E bisogna capire con le Istituzioni se può emergere un soggetto terzo per attivare forme conciliative. Invitiamo i cittadini interessati a segnalarci le loro situazioni”.

E da gennaio, con l’introduzione del bail-in, i rischi per i correntisti aumenteranno. Il primo gennaio 2016 infatti entrerà in vigore la direttiva europea sulla risoluzione delle crisi bancarie, una vera rivoluzione per le banche europee, compreso quelle italiane. Ma soprattutto per i risparmiatori e titolari di conti correnti. Se fino ad oggi le banche sono state salvate anche con soldi pubblici – in tutta Europa lo si è fatto senza alcun vincolo, da gennaio 2016 in caso una banca sia in difficoltà non interverrà più solo il Fondo interbancario, ma dovranno farsi carico delle perdite anche i privati come gli azionisti, obbligazionisti e gli stessi correntisti. Continueranno ad essere garantiti i depositi fino a 100mila euro. Questo in gergo tecnico si chiama bail-in, difficile che correntisti e risparmiatori siano a conoscenza dei veri rischi e gli effetti collaterali della sua introduzione.

Nessun commento:

Posta un commento