L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 22 novembre 2015

Siria&Parigi, ci sono degli imbecilli ben pagati che ancora sostengono che nel 2011 c'è stata una guerra civile e non dicono che c'è una Rivoluzione a Pagamento

mondo 19 novembre 2015

Che cosa succede in Siria e perché? La guerra spiegata con la matita

Alberto Maria Vedova

#WHYSYRIA: la crisi della Siria spiegata in 10 minuti e 15 mappe

 

Con molta semplicità, un video pubblicato su YouTube lo scorso ottobre da #WHYMAPS in spagnolo e tradotto in italiano da DadoBax, spiega in pochi minuti la crisi della Siria
Genova - Una sorta di tutorial, un racconto realizzato utilizzando mappe e pennarelli colorati. Con molta semplicità, un video pubblicato su YouTube lo scorso ottobre da #WHYMAPS in spagnolo e tradotto in italiano da DadoBax, cerca di spiegare in dieci minuti la crisi della Siria.
Dopo gli attentati di Parigi il filmato è stato condiviso sui social da centinaia di utenti, ricevendo quasi tre milioni di clic.
Gli autori del video, utilizzando 15 mappe disegnate a mano, riassumono in modo chiaro ed esaustivo le origini dell'attuale conflitto siriano, segnalando che il video è realizzato a scopo educativo e senza fini di lucro.
«Se in qualche modo generasse dei profitti, questi saranno totalmente devoluti a Save the Children», spiegano i videomaker. «Ci sono cose che non possono essere descritte con delle mappe - sottolineano ancora gli autori alla fine del video - come la sofferenza delle persone colpite dai vari conflitti».

http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2015/11/19/ASuYLzT-spiegata_perche_succede.shtml

Nessun commento:

Posta un commento