L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 1 dicembre 2015

Fronte Unico per uscire dall'Euro, i socialisti euroimbecilli francesi e non solo si sveglieranno con un forte mal di testa

Regionali in Francia, per la Le Pen è già trionfo: i socialisti dati a pezzi
 
30 novembre 2015 ore 16:49, Americo Mascarucci
 
Marine Le Pen potrebbe trionfare alle elezioni regionali francesi di domenica spazzando via i Socialisti del presidente Francois Hollande. Secondo i sondaggi infatti il Front National avrebbe il vento in poppa e attualmente le regioni in bilico che l’estrema destra potrebbe conquistare sarebbero cinque su dodici. La crescita del Front National sarebbe pressoché costante in tutte le regioni con sondaggi letteralmente da sballo. Si parla di sette punti in più nella 
 
Regionali in Francia, per la Le Pen è già trionfo: i socialisti dati a pezzi
 Loira, sei nella Provenza Alpi Costa azzurra (Paca), dove la nipote Marion Marechal-Le Pen è già favorita, del 5,5% in più nella Borgogna e del 4% in Bretagna. Insomma l’estrema destra in crescita complice anche l’allarme sicurezza all’indomani degli attentati di Parigi del 13 novembre scorso. I francesi hanno paura e dopo quanto avvenuto è forte nell’opinione pubblica la richiesta di cambiare radicalmente le politiche sull’immigrazione portate avanti in tutti questi anni sul fronte dell’accoglienza. 
Politiche che fanno parte del Dna di Marine Le Pen da sempre; contrasto all’immigrazione, difesa dell’identità nazionale,opposizione alla tecnocrazia europea sono stati questi i cavalli di battaglia del Front National che negli ultimi anni ha registrato una crescita pressoché costante in ogni turno elettorale utile. 
Qualora saranno confermate le previsioni dei sondaggi e il Front National si vedrà confermato nei ballottaggi, a quel punto i Socialisti di Hollande e la destra moderata di Sarkozy potrebbero trovarsi costretti a sostenersi a vicenda pur di bloccare l'avanzata della destra estrema che metterebbe in crisi proprio i gollisti rendendo pressoché vani i tentativi di Sarko di cavalcare il malcontento dei francesi anche sul tema dell'immigrazione per disinnescare la "mina Le Pen". 

I socialisti dati a pezzi nei sondaggi iniziali, hanno registrato una crescita legata più che altro alla popolarità che Hollande sembra aver guadagnato all’indomani delle stragi quando ha assunto le redini della situazione annunciando leggi d’emergenza e inviando gli aerei in Siria contro l’Isis. Una crescita quella dei socialisti che tuttavia non sembra frenare l’avanzata della Le Pen decisa a guadagnare terreno in vista delle prossime elezioni presidenziali dove punta a ripetere il miracolo fatto dal padre Jean Marie Le Pen anni fa, ossia andare al ballottaggio: contro Hollande o Sarkozy ha poca importanza.
 

Nessun commento:

Posta un commento