L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 6 dicembre 2015

Governo pagliaccio, è inaccettabile questo tipo di blocco delle macchine a Roma

Roma: De Vincenti, inaccettabile sciopero dei mezzi di ieri

Roma, 5 dic. - 'E' inaccettabile che una minoranza possa mettere la capitale d'Italia nella situazione che i cittadini romani hanno vissuto ieri'. E'' quanto ha affermato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, parlando a Campo de' Fiori con i cittadini, partecipando all'iniziativa del Pd 'Italia, coraggio' che si sta svolgendo in tutto il Paese. 'Ci vuole senso di responsabilita' - ha aggiunto - e in questa direzione va il Protocollo di disciplina degli scioperi sottoscritto per il periodo giubilare dai sindacati piu' rappresentativi con il ministro delle Infrastrutture e confermato dalla Commissione di garanzia degli scioperi'. 'Il Governo e' determinato ad attivare tutti gli strumenti previsti dalla normativa, compreso quello della precettazione, per evitare il ripetersi di fatti come quelli di ieri e tutelare il diritto alla mobilita' dei cittadini romani'. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, parlando a Campo dei Fiori a Roma, a margine dell'iniziativa 'Italia coraggio' promossa dal Pd, in merito allo sciopero dei mezzi pubblici che si e' svolto ieri nella Capitale. .

Nessun commento:

Posta un commento