L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 21 gennaio 2016

Banca Etruria è truffa piena

Etruria, l'ultimo trucco: "Lauree finte ai clienti per vendergli i bond"

Una filiale di Banca Etruria (ansa)

I titoli di studio taroccati per alzare il profilo di rischio. E il Csm assolve il pm Rossi: nessuna incompatibilità
dal nostro inviato FABIO TONACCI
20 gennaio 2016

AREZZO - Pur di vendere le obbligazioni subordinate, i funzionari di Banca Etruria taroccavano i titoli di studio dei clienti. Quindi la signora Pina F., che ha quasi 90 anni e nella sua vita scolastica non è andata oltre la terza elementare, nel questionario Mifid che le ha permesso di investire 40.000 euro in subordinate, risulta possedere un "diploma superiore". Anche Giancarlo C., 47 anni, operaio edile che ha comprato obbligazioni ad alto rischio per 20.000 euro, ha visto la sua licenza media diventare "diploma di scuola superiore". E Francesco S., di anni 42, non ha mai messo piede in un'università, eppure sul questionario è laureato.

Per capire dove punterà l'inchiesta per truffa aperta dalla procura di Arezzo bisogna entrare nella stanzetta in fondo al corridoio del terzo piano del palazzo della Cgil aretina. Qui c'è Chiara Rubbiani della Federconsumatori che due giorni fa ha iniziato a esaminare nel dettaglio le pratiche dei 1.300 piccoli investitori che si sono rivolti all'associazione nelle settimane scorse per capire cosa fare. "Quaranta persone - racconta - ci hanno portato la documentazione che Banca Etruria ha fornito loro e nella quasi totalità dei casi il Mifid è stato compilato dai funzionari con dati che non corrispondono a quelli reali ". Mifid è un acronimo piuttosto complicato che sta per "Market in financial instrumets directive" e rimanda alla direttiva europea che disciplina, tra le altre cose, la vendita dei prodotti finanziari. Impone che il compratore abbia ben compreso e sia consapevole dei potenziali rischi cui va incontro, per cui il funzionario di banca è obbligato per legge a compilare un modulo che certifichi il profilo di rischio del cliente. "Ma è evidente - spiega Chiara Rubbiani - che qui si tratta di persone che non avevano conoscenza alcuna degli strumenti finanziari che stavano acquistando".

Non solo i titoli scolastici sono stati ritoccati, per farli apparire più "esperti". Ci sono casi di pensionati di 93 anni che dichiarano sul modulo Mifid di non ritenere di aver bisogno dei soldi investiti per i successivi 10 anni. "Va bene l'ottimismo, ma così si esagera...", commentano alla Federconsumatori. Seduta nel corridoio, in attesa del colloquio, c'è Patrizia, insegnante precaria. In mano ha un blocco di carte col timbro Banca Etruria. "A me il modulo non l'hanno mai fatto vedere - racconta - ho investito 13.000 euro nel 2013, perché alla filiale mi dicevano che il rischio era basso. Solo ad agosto di quest'anno, quando ho provato a vendere i titoli, mi hanno fatto domande sul mio impiego e sul titolo scolastico ". Accanto a lei ci sono altre quattro persone in attesa, che sfogliano carte su carte. Chi ha deciso, nella dirigenza della Popolare, che quei 130 milioni di euro di subordinate emesse nel 2013 dovessero essere piazzate a ogni costo? Chi c'è dietro la grande truffa?

Sono domande a cui sta cercando di dare risposte il procuratore di Arezzo Roberto Rossi. Ieri dalla commissione del Csm è arrivato il parere unanime all'archiviazione del fascicolo a suo carico per incompatibilità, aperto dopo la pubblicazione della notizia della sua consulenza col Dipartimento degli affari giuridici di Palazzo Chigi. Ora sarà il plenum a decidere, ma l'esito pare scontato. Sulla sua scrivania Rossi ha accumulato 45 denunce firmate, per cui ha costituto un pool di 4 magistrati per analizzarle, in attesa dell'udienza al Tribunale fallimentare fissata l'8 febbraio per lo stato di insolvenza della Popolare. Rimane nel mistero, invece, l'inchiesta aperta a Perugia su Valeriano Mureddu, il 47enne autodichiaratosi "massone
in sonno" che ha portato l'ex vicepresidente dell'Etruria e padre del ministro delle Riforme Pier Luigi Boschi a incontrare due volte il faccendiere Flavio Carboni. "I dossier trovati nella sede della Geovision - spiega l'avvocato - sono solo appunti".

Nessun commento:

Posta un commento