L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 gennaio 2016

Davos, il Capitalismo è consapevole delle diseguaglianze ma non prova minimamente a porre l'economia al servizio dell'uomo e non del profitto-denaro

Davos 2016: la disuguaglianza della ricchezza è una minaccia per la crescita globale

di  22.01.2016 
    Poveri
Persone tendono le loro mani per chiedere l'elemosina Reuters
La disuguaglianza è una delle minacce fondamentali dell'economia globale, e superare le sfide economiche che ne derivano richiederà ai governi di lavorare in tandem con il settore privato, ha detto giovedì un gruppo di esperti al pubblico in occasione del World Economic Forum di Davos, in Svizzera. La discussione, dal titolo "Rebooting the Global Economy", è stata animata dal ministro delle Finanze brasiliano Nelson Barbosa, dal primo Ministro irlandese Enda Kenny, dal premio Nobel economista Joseph Stiglitz e dall’imprenditore cinese Zhang Zin.
"Uno [dei principali fattori che sta contribuendo a indebolire l’economia globale] è la crescita della disuguaglianza", ha detto al pubblico Stiglitz. "Le persone che appartengono alla fascia alta non hanno bisogno di spendere molto del loro reddito rispetto a quelli che stanno in fondo, che devono invece spendere il 100 per cento, o a volte anche di più. Quando c’è questa crescita della disuguaglianza, c’è un'economia debole."
Alcuni membri del gruppo hanno sostenuto che un livello di intervento del governo nell'economia è stato necessario per correggere questi squilibri.
"L'economia di mercato è il miglior motore per la crescita", ha detto Barbosa. "Il mercato è in grado di produrre un sacco di guadagni di produttività, il mercato può produrre progresso. Ma il mercato produce anche troppa disuguaglianza e anche molta volatilità, e dobbiamo trovare il modo per gestire e affrontare questo".
Kenny ha citato l'esempio del suo paese, che ha richiesto un piano di salvataggio all’UE sulla scia della crisi finanziaria, ma è tornata a crescere dopo anni di austerità, dicendo che una prudente gestione delle finanze pubbliche è la chiave per la lotta contro la disuguaglianza.
"Un'economia non è fine a se stessa. Si tratta di persone ", ha detto Kenny. "Per me, la disuguaglianza è una priorità. Abbiamo problemi in molti settori, ma sono molto ottimista sul fatto che se si riescono a gestire bene le proprie finanze pubbliche, se si riesce a indirizzare bene il modello di crescita, si forniscono ai governi le risorse necessarie per prendere decisioni in materia di servizi che la gente ha bisogno."
L’accordo di Barbosa dice che il governo ha un ruolo chiave da svolgere sia nelle economie emergenti che in quelle avanzate per garantire la stabilità macroeconomica e mantenere le disuguaglianze a un livello ragionevole.
Anche la tassazione è una questione fondamentale nella gestione della crescita economica, ha detto il panel, con Stiglitz che tornando sul tema si è lamentato per il fatto che i cittadini con redditi più alti negli Stati Uniti hanno pagato, in media, circa il 15 per cento del loro reddito in tasse, un livello significativamente inferiore rispetto alle fasce di reddito più basse della scala economica.
Quando la questione della tassazione è stata sollevata, Kenny ha colto l'occasione per affrontare una delle critiche più persistenti di regime fiscale del suo paese, il cosiddetto "doppio irlandese", una strategia di elusione fiscale utilizzata da molte multinazionali che operano nel paese. L’economista ha detto che il "danno di immagine" fatto al Paese ha spinto il governo ad abolire il sistema e sostituirlo con un’aliquota d'imposta sulle società del 12,5 per cento. Ha anche negato l’aliquota d'imposta sulle società, che rimane il pomo della discordia per molti dei suoi partner europei ed è la ragione principale per cui molte multinazionali hanno investito nel paese.
Il panel ha inoltre concordato con una domanda fatta da un membro del pubblico, che ha sollevato la questione sul prodotto interno lordo e se è una misura adeguata del successo dell'economia di un paese.
"Assolutamente giusto", ha detto Stiglitz. "Il PIL non è una buona misura della performance economica e del benessere. È importante che ci rendiamo conto di questo, perché ciò che si misura è ciò che facciamo ", ha aggiunto, aumentando l'esempio della nazione asiatica del Bhutan, che misura la felicità interna lorda piuttosto che il PIL.
"Il PIL negli Stati Uniti è salito ogni anno tranne che nel 2009, ma la maggior parte degli americani sono in condizioni peggiori rispetto a un terzo di secolo fa", ha detto Stiglitz. "I vantaggi sono andati alla parte alta della popolazione. In fondo, i salari reali aggiustati per i prezzi di oggi sono più bassi di quanto non fossero 60 anni fa. Pertanto, questo è un sistema economico che non funziona per la maggior parte delle persone".

Nessun commento:

Posta un commento