L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 30 gennaio 2016

Infrastrutture digitali, il Li-Fi manderà a casa la fibra ottica

[Tecnologia] Viaggeremo in Li-Fi

lifi
di Elena Manzini
REDAZIONE, 29 GEN – Presto la tecnologia wireless ad alta velocità potrà essere sostituita dal Li-Fi che permetterà di “viaggiare” sul web ad una velocità di 100 volte superiore a quella del Wi-fi. Probabilmente faranno la loro apparizione sul mercato i primi prodotti già alla fine del 2016. La stessa Apple Insider si è sbilanciata affermando che il Li-fi potrebbe essere compatibile già il prossimo IPhone 7.
Il Li-fi usa la luce Led per trasmettere anziché le onde radio. Negli esperimenti in laboratorio si è visto che la velocità di download è 100 volte superiore a quella del Wi-Fi, pari a circa 224 gigabit al secondo. La nuova tecnologia non avrà problemi di interferenza rendendola disponibile per l’utilizzo anche su aerei o in determinati reparti di ospedali. Non necessitando poi di router o apparati di trasmissione gli smartphone ed i tablet sono in pole position per lo sfruttamento di questa nuova tecnologia grazie ai sensori della fotocamera.
Decisamente una rivoluzione, ma sarà applicabile anche in quelle zone d’Italia dove il Wi-fi sembra ben lungi dall’esistere? In determinate zone ci si connette (quando va bene) anche con chiavette Usb e capita spesso che la mattina ci si debba connettere con un operatore e nel resto della giornata con un altro.

Nessun commento:

Posta un commento