L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 25 gennaio 2016

Milano elezioni, il brillante Sala non è capace di rispondere

Expo, Passera distribuisce domande a Sala davanti Palazzo Marino

Volantinaggio del candidato sindaco che chiede trasparenza

Expo, Passera distribuisce domande a Sala davanti Palazzo Marino















Milano, 25 gen. (askanews) - Un volantinaggio davanti a Palazzo Marino, sede del comune di Milano, per distribuire ai cittadini una serie domande sulla trasparenza nella gestione di Expo rivolte al candidato sindaco alle primarie del centrosinistra e commissario unico dell'Esposizione, Giuseppe Sala. È l'iniziativa realizzata oggi da Corrado Passera, candidato sindaco del capoluogo lombardo.
Le domande poste a Giuseppe Sala sono: quali sono stati i veri incassi di Expo? Quali sono stati i veri costi di Expo e quanto si dovrà spendere ancora per lo smantellamento? Quante sono state le reali perdite di Expo Spa fino a oggi? Quante imprese ancora aspettano di essere pagate da Expo Spa? Come risponde Sala alle accuse di anticorruzione, antimafia e Corte dei Conti?
"Rimane naturalmente più che mai valida la questione più importante - ha detto Passera - se i milanesi meritino e possano accettare di avere un candidato sindaco che non è in grado di essere trasparente nei loro confronti. E che, ancora prima di entrare a Palazzo Marino, ha già così tante spiegazioni da dare".

Nessun commento:

Posta un commento