L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 16 febbraio 2016

il corrotto Pd come un vampiro vuole succhiare la pensione di reversibilità, bisogna cacciarli a calci nel sedere

Bomba sulle pensioni. Ecco cosa accadrà alla reversibilità

MARTEDÌ 16 FEBBRAIO 2016

Un provvedimento destinato a far discutere, quello che lo Stato ha intenzione di applicare per fare cassa su una colonna portante del welfare. Secondo quanto riporta 'La Legge Per Tutti', infatti, il disegno di legge sul riordino delle prestazioni assistenziali ha due disposizioni che, se mantenute così come sono, causeranno un vero e proprio terremoto sociale: 

– in primo luogo, qualsiasi trattamento di assistenza sarà legato all'Isee della famiglia;

– in secondo luogo, la pensione di reversibilità diverrà una prestazione assistenziale, e non più previdenziale.

Quindi in pratica la pensione di reversibilità spetterà soltanto a chi possiede pochissimo o nulla, in quanto dipende dall'Isee. Questo significa che basta avere qualche risparmio in banca, o la convivenza con

una persona con un minimo di reddito, per non averne diritto.

Nessun commento:

Posta un commento