L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 26 febbraio 2016

NoMuos, Consiglio di giustizia amministrativa fra 90 giorni tirerà il coniglio dal cappello per ubbidire agli ordini statunitensi


Muos: ultima udienza al Cga, decisione in 90 giorni

Gli attivisti: «L'avvocato del ministero ci ha offeso»
SALVO CATALANO 25 FEBBRAIO 2016

CRONACA – I legali del coordinamento e l'avvocatura dello Stato hanno esposto per l'ultima volta le loro posizioni davanti ai giudici che non hanno concesso proroghe per ulteriori verifiche. Secondo il rappresentante della Difesa le parabole non sono state accese per il rischio aggressione sui verificatori

Serviranno da trenta a novanta giorni per conoscere la sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa sul Muos. Oggi, nell'udienza a Palermo, i legali del coordinamento e l'avvocatura dello Stato hanno esposto per l'ultima volta le loro posizioni davanti ai giudici che non hanno concesso proroghe per ulteriori verifiche. Si aspetta quindi solo la decisione finale. Era stato il ministero della Difesa a fare ricorso contro la sentenza del Tar che aveva dichiarato abusivi i lavori di costruzione dell'impianto satellitare di telecomunicazioni militari della marina Usa. 

A settembre il Cga si è pronunciato una prima volta con una sentenza parzialeche ha in parte capovolto la decisione del Tar e ha quindi nominato un collegio di periti affindadogli il compito di misurare i campi elettromagnetici della base di Niscemi, accendendo contemporaneamente e alla massima potenza sia il Muos che le 46 parabole che dagli anni '90 si trovano all'interno della struttura statunitense. 

Nell'udienza di oggi l'avvocato dello Stato, Marcello Pollara, è tornatosull'improvviso stop della Prefettura di Caltanissetta all'accensione del Muos, lo scorso 12 gennaio, in quanto gli enti competenti non erano a conoscenza di quali misure precauzionali prendere per tutelare la popolazione. Pollara, però, ha fornito una lettura diversa della decisione. Secondo l'avvocato, infatti, la prefettura è intervenuta per evitare possibili aggressioni ai membri del collegio di verificazione da parte degli attivisti. «Affermazioni che ci offendono - commenta Fabio D'Alessandro, attivista di Niscemi - ancora una volta tentano di risolvere la questione non nel campo del diritto, ma inventando scuse sull'ordine pubblico».

Alla fine le parabole sono rimaste spente. «Le indicazioni del Cga - ha ribadito oggi Nello Papandrea, avvocato del coordinamento No Muos - sono state disattese dai periti, che hanno realizzato solo simulazioni sulla base dei dati Arpa e Ispra e su quelli forniti dagli Usa. Ma sia questi ultimi che l'Arpa stessa sono parti in causa, quindi viene a mancare la necessaria terzietà. A tanto non si era spinto neanche l'Istituto superiore di sanità nella sua relazione del 2013». 

È quanto il legale, insieme ai colleghi Paola Ottaviano e Nicola Lo Giudice, ha spiegato oggi in aula. «Sono stati usati dati scelti in modo sapiente - continua Papandrea - cioè quelli che non prendono in considerazione le emissioni dell'antenna più grande, quella a bassa frequenza». Il collegio dei periti nominato dal Cga, nelle sue conclusioni, motiva questa scelta con il fatto che, per le emissioni di questo tipo, in quanto anomale, non esistono limiti di legge. «Ma è la più pericolosa - attacca l'avvocato - le misurazioni più antiche fatte dall'Arpa certificavano un superamento dei limiti normativi proprio perché prendevano in esame anche quell'antenna». Punto su cui l'Avvocatura fornisce un'interpretazione diversa, sostenendo che la causa era la mancanza di una strumentazione idonea. «Falso - ribattono i legali - le misurazioni dell'Arpa sono state fatte sempre con gli stessi strumenti, solo che da un momento in poi non hanno più considerato l'antenna Lf».

Oggi sono arrivati a Palermo gli attivisti niscemesi e le mamme No Muos di Niscemi e Caltagirone. Ad attenderli fuori dal palazzo un cordone di polizia e solo una delegazione è stata fatta passare per assistere all'udienza. Qualunque cosa deciderà il Cga, la battaglia potrebbe non finire qui. I legali degli attivisti hanno infatti impugnato la sentenza parziale, quella che ribaltava la decisione del Tar e considerava valide le autorizzazioni concesse dalla Regione Sicilia. «In quella sentenza - conclude Papandrea - si mettono sullo stesso piano il diritto all'ambiente e quello alla difesa, ma per la Costituzione non sono due principi equivalenti, è l'ambiente che dovrebbe prevalere».

Nessun commento:

Posta un commento