L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 24 febbraio 2016

Renzi e le primarie farlocche

Giovanni Sartori su Renzi: "Imbroglione aggressivo, inaccettabili le sue primarie"

Di Alessandro Guerra @zuzzy martedì 23 febbraio 2016





 

Il politologo Giovanni Sartori, intervistato dal programma Fuori Onda di La7, ha espresso severi giudizi sui due anni del governo Renzi.

Il professore toscano, già in passato duro nei confronti di Renzi, ha detto: "Il mio giudizio è peggiorato, in questi due anni ne ha fatte di tutti i colori. Ha fatto primarie inaccettabili, le ha trasformate in elezioni a presidente del consiglio, erano primarie fasulle e inaccettabili in tutto il mondo".

Sulle analogie tra Berlusconi e Renzi: "Berlusconi è un imbroglione morbido,Renzi è invece un imbroglione aggressivo".

Cosa piace di Renzi a Sartori? "La totale mancanza di pudore e anche la furbizia, perché l'uomo è furbo, nulla lo ferma".

Sartori non perde la sua schiettezza quando gli si chiede un giudizio sulla politica di oggi: "Andrebbero tutti spediti in Africa".

Nessun commento:

Posta un commento