L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 4 marzo 2016

Libia&Guerra, un governo e un capo dello stato succube dei voleri statunitensi disposto ad andare nel pantano libico per interessi non degli italiani ne dei popoli di quelle terrei

I piani d'intervento
Libia, l'Italia pronta a guidare la missione militare

3 marzo 2016

Si combatte a Benghazi (Lapresse)

​L'Italia è pronta a guidare la missione in Libia. E il livello di pianificazione delle operazioni "è a un livello molto avanzato". Tanto che a Roma, come ha scritto il Wall Street Journal citando fonti Usa, è già stato creato il centro di coordinamento alleato. Ma prima di qualsiasi azione, è il paletto dell'Italia, serve che si formi un governo nel Paese nordafricano. 

"L'Italia è un Paese guida su questo dossier ma la priorità è formare un governo in Libia", ha sottolineato Renzi qualche giorno fa. "Abbiamo rapporto molto solidi con gli Usa, sono i nostri principali alleati, e con loro condividiamo il giudizio che prima di una missione vadano fatti tutti i tentativi per formare un governo. Abbiamo visto cosa è accaduto quando i francesi e gli inglesi sono intervenuti senza un quadro di governo stabile", ha aggiunto Renzi ricordando l'intervento contro Gheddafi nel 2011. 

Quale impegno per l'Italia?
Il quadro è ancora da definire, ma già una cinquantina di incursori del Col Moschin sono in partenza. Andranno a rafforzare la pattuglia di forze speciali già presente sulla costa sud del Mediterraneo da Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. In ogni caso i nostri servizi segreti sono già attivi in Libia da tempo, ma questa non è certo una novità. Al Col Moschin si aggiungeranno poi, secondo indiscrezioni, almeno 3.000 militari. In campo ci saranno, come al solito il reggimento San Marco e il Tuscania. 

Le condizioni politiche necessarie
Perché l'intervento militare si concretizzi occorrono però due condizioni.
Prima condizione: la formazione di un governo libico di unità nazionale in grado di chiedere formalmente un intervento straniero per riportare l'ordine nel Paese minacciato dal terrorismo.
Seconda condizione: l'autorizzazione del Parlamento italiano

Il decreto segreto di Renzi
Le modalità di impegno operativo è gia stato in qualche modo definito da un decreto adottato dal presidente del Consiglio il 10 febbraio. Un atto in 5 punti, secretato. Di questo si è parlato nei giorni scorsi anche col presidente della Repubblica nel corso del Consiglio supremo di difesa.

Un centro di coordinamento della coalizione a Roma
I militari Usa e gli alleati, inclusi Francia e Gran Bretagna, "hanno creato un Centro di coordinamento della Coalizione a Roma" e "da mesi" preparano un piano per un secondo intervento in Libia, ha rivelato il generale Donald Bolduc, comandante delle Forze speciali Usa in Africa, citato dal Wall Street Journal. 
Londra e Berlino hanno intanto deciso di spedire propri soldati in Tunisia per contribuire al controllo della frontiera con la Libia e addestrare militari libici in chiave anti-Isis. Un'attività che le forze speciali francesi, britanniche e statunitensi già fanno in Libia, a Bengasi e Misurata, assicurano da giorni numerose fonti, anche occidentali, senza che ci siano conferme ufficiali dalle cancellerie europee o da Washington. Secondo altre testimonianze, militari stranieri sarebbero già presenti anche a Tripoli.

In attesa del governo di Tobruk
Ma gli occhi della comunità internazionale sono puntati soprattutto su Tobruk, dove ancora non è stata data luce verde al governo di unità nazionale presieduto da Fayez al Sarraj, al quale si oppongono diversi attori, tra i quali soprattutto il generale Khalifa Haftar, grande protetto dell'Egitto.

L'autorevole quotidiano egiziano al Ahram, citando sue fonti, afferma che al Cairo "sono in corso negoziati informali" tra le parti libiche per arrivare a una intesa di mediazione "che porti alla nascita di un consiglio presidenziale guidato da Sarraj, due vicepresidenti e due ministri di Stato affiancati dal ministro della Difesa", in rappresentanza delle istanze regionali e politiche libiche. In questo quadro, afferma il quotidiano, "Haftar resterà a capo dell'Esercito, ma senza incarico nel governo".
Il generale è però costretto a digerire il mancato annuncio della vittoria a Bengasi, che sarebbe dovuto arrivare in queste ore.

Nessun commento:

Posta un commento