L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 2 marzo 2016

Siria&Parigi, l'esercito siriano e i suoi alleati hanno messo all'angolo i tagliagola dell'Isis/al Qaeda e la Rivoluzione a Pagamento

Siria: cosa succede durante il cessate il fuoco

(di Giampiero Venturi)
01/03/16 
 
L’inizio del cessate il fuoco coincide con un apparente sostanziale silenzio. In realtà sia sul campo che nelle capitali dei Paesi coinvolti, l’attività è fervente. La situazione è fluida ma ci sono delle certezze oggettive. La prima è che la guerra in Siria è entrata in una nuova fase, probabilmente l’ultima.
Sul terreno si registra ancora l’avanzata lenta ma progressiva dei governativi, innanzitutto a nord sul fronte di Latakia-Idlib. Sul versante più occidentale ormai le truppe di Damasco sono arrivate a ridosso del confine turco, chiudendo la partita contro i terroristi appoggiati da Ankara. L’avanzata prosegue lungo l’asse Latakia-Aleppo procedendo verso est e verso nord.
Sul fronte centrale invece ci sono da registrare almeno due importanti novità:
  • l’ennesimo assalto fallito dei terroristi del Califfato a Deir ez-Zur contro i parà della 104a Brigata della Guardia repubblicana, comandata dal leggendario generale Issam Zahreddine. La maggior parte dei morti tra le file ISIS sarebbero cittadini sauditi, marocchini, malesi ed egiziani.
  • Più a ovest unità della 67a Brigata della 18a Divisione corazzata hanno strappato alle milizie ISIS il controllo dei monti Jabal, subito sopra Palmyra. La contesa dura da quando in estate, invertendo le sorti della guerra, l’esercito siriano ha iniziato a riprendere il controllo dell’autostrada Homs-Palmyra. Le truppe di Damasco ora sono a 3 km dal fianco ovest delle alture che dominano i siti archeologici. La conquista ha una ripercussione importante su tutto il fronte est: la zona, oltre ad essere strategica per recuperare Palmyra, è anche molto ricca di petrolio.
Sul piano politico il fattore predominante è il dubbio dei Paesi sedicenti in lotta contro lo Stato Islamico sull’introduzione di forze di terra in Siria. Come sostenuto dal portavoce saudita, generale Asseri, Riad dopo aver rischierato aerei da guerra a Incirlik in Turchia, avrebbe ribadito la sua disponibilità al dispiegamento di truppe, sollevando però dubbi sul ruolo, sugli obiettivi e sulle dinamiche d’impiego. 
Gli stessi dubbi sarebbero sollevati dagli Stati Uniti, molto concentrati sulle elezioni di novembre ma attenti a non farsi sfuggire di mano la situazione.
La Turchia infatti spinge per un’escalation in modo da conservare il proprio ruolo a ridosso della frontiera siriana e continua a usare l’artiglieria contro i curdi e contro postazioni dello Stato Islamico (così riportato dall’agenzia privata Dogan) a nord di Aleppo. Se confermato, quest’ultimo dato avrebbe un significato tattico e strategico insieme: da una parte favorire i ribelli turcomanni appoggiati da Ankara, spesso in contrasto con lo Stato Islamico per questioni di leadership regionale; dall’altra mostrare al mondo il proprio impegno contro il terrorismo internazionale.
Gli Stati Uniti, come paese leader della coalizione anti terrorismo, avrebbero rinnovato la scelta di appoggiare materialmente gruppi ribelli di opposizione, nella convinzione che questo possa arginare il Califfato. L’aspirante Presidente Hillary Clinton, attenta a non contraddire le scelte politiche degli ultimi anni (Dem e Repubblicani su questa linea hanno sempre convenuto) ha espresso parole molto chiare in questo senso.
Gli eventi degli ultimi 6 mesi dimostrano però che militarmente si può battere l’ISIS. Basta volerlo.
Quel che è certo è che gli sviluppi dei prossimi due mesi diranno molte cose sul futuro politico e territoriale della Siria.
(Foto: Türk Silahlı Kuvvetleri/SAA)

http://www.difesaonline.it/geopolitica/tempi-venturi/siria-cosa-succede-durante-il-cessate-il-fuoco

Nessun commento:

Posta un commento